Breaking News
Home / Segnalazioni libri / “La ferocia con il pizzo” di Lisa di Giovanni. Una riedizione patinata
La ferocia con il pizzo

“La ferocia con il pizzo” di Lisa di Giovanni. Una riedizione patinata

“La ferocia con il pizzo” di Lisa di Giovanni, torna in una nuova edizione negli scaffali delle migliori librerie di tutta Italia e negli store online, arricchita stavolta da splendide illustrazioni in stile manga a cura dalla talentuosa Stefania Diaferia che, dopo aver letto con molta attenzione le poesie, ha voluto rappresentare l’autrice così come la troviamo in copertina. Fresca e genuina ma assolutamente adatta per rappresentare una donna dalla spiccata sensibilità che non ha mai smesso di ascoltare il famoso fanciullino di pascoliana memoria, a lei tanto caro. Una grafica colorata e accattivante ha reso poi il testo ancora più fruibile e convincente anche per un pubblico giovane che oggi fatica ad avvicinarsi al mondo della poesia, che pur fa parte del nostro immenso patrimonio artistico e culturale da sempre. Non per nulla l’Italia è la terra di grandi poeti e del Sommo e Venerato Dante.

La ferocia con il pizzo

Una silloge poetica quella di Lisa Di Giovanni, grande esperta di comunicazione e autrice sopraffina fin da giovane, che parla d’amore e che lo emana, come un profumo ora più dolce, ora più speziato, o ancora muschiato, da tutti i pori, memore però del fatto che ognuno di noi, proprio come ogni sentimento che si rispetti, ne abbia uno che è ben distinguibile e assolutamente originale: ed è per questo che va in qualche maniera custodito e tutelato. Così come viene esemplificato in questo verso: «L’amore è la migliore opera di ingegneria mai realizzata». 

La poesia permette di partecipare alla vita, e questa è una grande consolazione anche secondo Lisa di Giovanni, la quale cerca di sottrarre le cose ad un destino di vanificazione per restituirle alla vita stessa.

L’autrice cerca, senza alcuna forma di presunzione di essere esaustiva nel suo racconto in versi che non stanca che è reso ancora più piacevole dalla presenza di alcuni fugaci pensieri che svolgono la funzione di delicata, ma comunque molto evocativa, di raffinati maggiordomi che ci introducono nelle stanze dell’anima, dell’abile penna di una poetessa che sa – indubbiamente – il fatto suo, ma che non lo fa pesare perché lei è- in realtà- una di noi. «Una donna sensibile, ma non fragile, determinata e bella sia dentro che fuori»: così l’ha definita l’addetto stampa e poetessa Laura Gorini, che ha il privilegio di collaborare da tempo con Di Giovanni.

Commenta La ferocia con il pizzo, in una nota psicoanalitica, anche la dott.ssa Maura Ianni: «Il sentimento è qui ben sintetizzato in ogni sua parte, ma mai e poi mai anestetizzato perché non lo merita. Deve essere vissuto fino in fondo, senza alcuna paura o piccola remora.  Sa essere morbido e avvolgente come un caldo abbraccio e una coperta di lana colorata, ma anche ferire con ferocia, che talora è solo apparente, altre volte con delicatezza, con il pizzo per l’appunto.». È un sentimento che talora ha l’urgenza, persino assai impellente, di farsi vivere, altre volte sa aspettare, mentre altre chiede rispetto e persino privacy. Ma in ogni caso, è profondamente vero e merita pertanto di essere vissuto fino in fondo, dall’alba al tramonto. Non ha paura di esistere e, tra le pagine, c’è un invito – ora più implicito, ora più esplicito – a lasciarsi andare: perché la vita ha in serbo per ognuno di noi tante sorprese. L’importante è che ognuno di noi abbia il proprio mare e la propria rotta ben precisa, stampata non in testa, ma nel cuore e nell’anima.

L’autrice

Lisa Di Giovanni è nata a Teramo e vive a Roma da oltre vent’anni. Laureata in psicologia, lavora per una società di telecomunicazioni come business manager. È il portavoce di A.N.A.S (Associazione Nazionale di Azione Sociale), dove si occupa di pubbliche relazioni e progetti di inclusione sociale, nonché il tesoriere di CardioRes. È giornalista pubblicista e collabora con quotidiano “Paese Roma”, il “Quotidiano sociale”, “Mob Magazine” e del giornale partecipativo “Blasting News”: ed è inoltre il Direttore del semestrale cartaceo “La finestra sul Gran Sasso”, un magazine che parla di: tradizioni, arte, cultura, poesia e attualità. È scrittrice e poetessa, il suo ultimo libro di poesia è stato pubblicato in inglese e italiano, intitolato “Daylight”, contenente poesie, racconti e riflessioni.

Ha pubblicato, in collaborazione con Marco Sciame, la serie di graphic novel “Human’s end” e insieme a Nicola Magnolia, un saggio sul grande fumettista Go Nagai. A gennaio 2021, ha pubblicato un libro di narrativa autobiografica in collaborazione con Salvatore Cafiero, edito da L’Erudita Edizioni di Giulio Perrone, intitolato “Phoenix-Il potere immenso della musica”. È responsabile unico dell’ufficio stampa “P.R. & Editoria”: agenzia di comunicazione e consulenza strategica per scrittori, case editrici e agenzie che opera a livello nazionale e ha sede a Roma, è anche l’ideatrice del Concorso Letterario Nazionale “FavolosaMente”. Collabora, inoltre, con diverse reti televisive che si occupano di diffondere libri. Da giugno 2021, fa parte di un “Team di professioniste e imprenditrici” di eccellenze italiane: gruppo coadiuvato dalla Confederazione AEPI (Associazioni Europee di professionisti e Imprese), ed è cofondatrice del marchio “Sinapsi 180” insieme alla prof.ssa Maura Ianni.

 

 

 

About Redazione

Check Also

Europei

Capire gli Europei: Gianni Galleri ci porta a scoprire il calcio dell’est Europa e chi tiferà per chi

Fra pochi giorni prenderà il via la diciassettesima edizione dei campionati europei di calcio organizzati dalla Uefa. Saranno 24 le rappresentative ai nastri di partenza e i Balcani saranno rappresentati da: Albania, Romania e da tre nazioni ex jugoslave, Slovenia, Croazia e Serbia.  Eppure, come sempre, non sarà tutto così chiaro. Chi tiferanno a Sfântu Gheorghe, nel cuore della Romania, a un'ora e mezzo di macchina da Bucarest? E la parte ovest di Mostar? Nel quartiere Čair di Skopje sorseggeranno tè ricordando la passata partecipazione della Macedonia del Nord oppure si infiammeranno per la nera aquila bicefala di Tirana? Ripercorrendo le pagine di "Balkan Football Club. Viaggio rocambolesco alla ricerca di utopie e rigori sbagliati" ci si può fare un'idea di quello che succederà in alcuni di questi luoghi, magari periferici, ma che fanno a pieno titolo parte di quello sterminato raccoglitore di contraddizioni che sono i Balcani.