Breaking News
Home / Segnalazioni libri / ‘La patria di Itzurza’ di Alessio Vagaggini: un omaggio alla Spagna
La patria di Itzurza

‘La patria di Itzurza’ di Alessio Vagaggini: un omaggio alla Spagna

La patria di Itzurza, edito da Chance edizioni, è il nuovo  romanzo di Alessio Vagaggini.

Classe 1991 e di origini aretine, l’autore, nomade per indole, ha vissuto tra Italia, Belgio e Spagna, occupandosi di progetti e affari europei, senza mai tralasciare l’amore per la letteratura. I sui riferimenti letterari sono Milan Kundera, Italo Svevo, Albert Camus.

La patria di Itzurza: Sinossi

La Patria di Itzurza

La patria di Itzurza è uscito nelle librerie il 6 settembre 2021 , per la collana Scrittura Spontanea.

Biscaglia, ottobre 1981
L’edificio nel quale si erano accampati si ergeva a perfetto esempio dell’architettura dell’ultimo periodo franchista: alto, freddo e inospitale. Uno stile dettato dal desiderio di sottomettere anche i luoghi, di renderli autonomi e funzionali.
La campagna che lo circondava era verde durante tutto l’anno, animata da greggi sparse lungo l’intera radura.
Un cane intuendo la presenza degli intrusi alzò lo sguardo, ma l’istinto gli suggeriva che non erano lì per le pecore, così li ignorò. Il cielo era nuvoloso quanto bastava per non distinguere i confini dell’orizzonte, ma chiaro a sufficienza per osservare le vicende che accadevano sotto la sua volta. Bilbao non era distante, si trovava a non più di un’ora di cammino.
Itzurza scrutava il profilo periferico della città, ma aveva l’impressione che in quella giornata uggiosa
nulla le tornasse in cambio.

Si tratta di un romanzo in cui si intrecciano le vite di quattro donne, in cui la Storia con la S maiuscola fa da contesto alle vicende personali di persone così lontane tra loro ma allo stesso tempo così vicine. Siamo nella Spagna degli anni ‘80, gli anni in cui il paese era ancora legato a tradizioni e valori secolari ma si imponeva una modernità che ancora non gli apparteneva e per la quale forse non era pronto, la Spagna in cui ETA rivendicava l’indipendenza di Euskadi, il Franchismo era decaduto ma era ancora vivo nella vita politica e sociale.

Questa è La Patria di Itzurza, dove la protagonista vive la sua vita e combatte le sue guerre, battaglie per i suoi ideali e per se stessa, per ritrovare la capacità di essere amata e scoprirsi finalmente donna.

Come la sua terra, Itzurza vive un periodo di evoluzione e drastici cambiamenti e non riesce a cogliere sempre i contorni della sua identità. Questo aspetto sarà il punto di contatto con le altre donne del romanzo, in particolar modo con Clara, con cui, per un capriccio del destino, intreccerà la sua esistenza e sarà inevitabile per entrambe doversi guardare dentro nel profondo, e riconoscere le fragilità personali nelle difficoltà e nelle amarezze, accettando il proprio lato più intimo e al contempo umano. Con loro anche Maria, l’attrice decaduta che vive nella memoria della sua epoca di gloria, e Elena, il personaggio più statico del romanzo, il cui “risveglio” richiama da vicino concetti propri delle filosofie orientali, devono fare i conti con se stesse, con i rapporti familiari, le aspettative disattese e le rinunce.

Da un lato abbiamo la guerriera, che deve comprendere per cosa vale la pena combattere, e dall’altra abbiamo una famiglia disgregata che ha perso la sua unità molto tempo addietro.

Ma ciò che unisce tutte queste donne sono, appunto, le difficoltà che devono affrontare per imparare ad accettarsi, e più della politica che sembra inesorabilmente condizionare le loro vite, sarà il bisogno di deporre le armi e perdonarsi che renderà possibile l’andare avanti e poter guardarsi allo specchio con occhi diversi

È proprio da tale passione, unita a un’attenta osservazione rivolta alla Spagna e ai suoi scenari, che prende vita questo romanzo La Patria di Itzurza nasce come omaggio a un paese, la Spagna, verso il quale ho sempre provato un’attrazione particolare, sia per le vicende politiche che lo hanno caratterizzato, sia per il fascino di una cultura simile ma al contempo molto diversa dalla nostra” – ha dichiarato l’autore. Aver vissuto a Siviglia mi ha sicuramente agevolato nel capire la vita quotidiana, la memoria, gli ideali e tutte le sfaccettature di un paese che ho cercato di riprodurre nei personaggi che popolano il romanzo. La Spagna degli ’80 è infatti una fucina di idee (le rivendicazioni della periferia contro il centro, la transizione verso la democrazia dopo decenni di Franchismo, il nuovo ruolo della donna in una società estremamente maschilista) che assumono qui una carica emotiva difficilmente rintracciabile altrove. In questo contesto si inserisce la centralità dell’universo femminile, dato che le protagoniste del romanzo sono quattro donne fra loro estremamente diverse. La Patria di Itzurza cerca di indagare le motivazioni che sottostanno alle scelte di ognuna, le loro azioni, i lori ideali, senza mai giudicare, bensì scavando a fondo nella natura umana e nel senso dell’esistenza”.

“Alessio Vagaggini – ha affermato l’editore Andrea Stella – ha un romanzo di valore ed è una persona che merita l’attenzione dei lettori e l’impegno della casa editrice. È riuscito a scrivere un libro non solo capace di ricreare un contesto storico perduto, restituendogli il fascino e l’attenzione che gli sono dovuti, ma anche di rendere tale ambientazione funzionale per una storia che è universale, diventando un viaggio dentro l’animo umano in cui ogni lettore e soprattutto lettrice può riconoscersi”.

Preparatevi a scavarvi dentro, a non leggere così diverse le parole amore e tradimento, a sorprendervi delle vostre emozioni contrastanti: questa è una storia dalla quale non si esce se non ci si guarda dentro.

 

https://lachanceria.it/prodotto/la-patria-di-iturza/

 

 

2021-12-30

About Melania Menditto

Mi chiamo Melania Menditto. Sono laureanda in Lettere presso l'Università Federico II di Napoli. Amo la Letteratura, il Teatro, la Poesia, la Scienza forense,la Musica. Da sempre ammaliata dal Mondo di carta, sogno di farlo esplorare ai tanti, grandi o piccoli che siano.

Check Also

‘L’ultima occasione’, il romanzo breve di Vincenzo Contreras

“L'ultima occasione” di Vincenzo Contreras è un romanzo intrigante, animato da un lucido spirito rivoluzionario; narrato in prima persona, presenta un intenso protagonista che in poche pagine riesce a rivelare il suo complesso mondo interiore. Questo eccentrico personaggio ha deciso di compiere rapine a mano armata per contestare un sistema sociale, politico ed economico oppressivo, vero e proprio fagocitatore di pensiero critico, di libertà, di sogni e di coscienze. Egli si trucca il viso ispirandosi alla figura del Joker, re indiscusso del sovvertimento dello status quo, per denunciare l’assenza del libero arbitrio negli individui, che credono di gestire le loro vite quando in realtà sono ignobilmente manipolati. Il protagonista, proprio come la nemesi di Batman, cerca la sua personale e, forse, discutibile via per mostrare agli altri l’atroce verità dietro la patina di benessere illusorio in cui vivono.  

Exit mobile version