Breaking News
Home / Segnalazioni libri / ‘Restare in Vietnam. Dalla parte del nemico’, il libro-intervista senza filtri di Luca Pollini
Restare in Vietnam

‘Restare in Vietnam. Dalla parte del nemico’, il libro-intervista senza filtri di Luca Pollini

Restare in Vietnam. Dalla parte del nemico è un libro-intervista di Luca Pollini pubblicato da Elemento 115 nel 2017 e riproposto nel 2022

A scegliere di restare con il nemico è Marlin McDade, soldato americano impegnato per quattro anni sul fronte della guerra del Vietnam. Originario del Kansas, proveniente da una famiglia cattolica e con tradizioni militari (padre e nonno sono decorati di guerra) Marlin è partito poco più che ventenne, abbastanza convinto di quello che stava andando a fare. Poi gli eventi: l’addestramento inutile; convivere con la paura per tutto il giorno; le perdite di amici; le azioni crudeli; il ritorno momentaneo a casa dove, convinto di essere accolto come un eroe viene insultato e chiamato assassino. Una nuova partenza verso il fronte dove viene ferito, i primi dubbi su quello che stava facendo. Un’amicizia, poi sfociata in amore, con un’infermiera nord-vietnamita, in una Saigon che “vive” nascondendo le atrocità della guerra. E alla chiamata di ritiro delle truppe la sua risposta: «No, io mi fermo qui». La storia di Marlin è stata raccolta dall’autore in una lunga intervista realizzata nell’estate del 2016 in un bar a Da Nang.

Restare in Vietnam

Marlin McMade è un reduce della guerra in Vietnam. Travolto da un senso di colpa per ciò di cui è stato insieme responsabile e testimone al fronte, ha voluto affrontare i suoi fantasmi del passato ed è tornato in Vietnam. Quello che era il nemico di un tempo è diventato un popolo che, nel suo piccolo, McMade prova ad aiutare nella lotta contro le mine anti-uomo.

Una storia emozionante e inusuale, quella narrata in questo racconto biografico duro e senza filtri. mirabile la capacità sintetica dell’autore che in pochi passi ripercorre le vicende del soldato McDade, protagonista di un’epoca, così distante e allo stesso tipo così vicina, che ha cambiato il mondo.

È il minimo che posso fare per un popolo che mi ha accolto a braccia aperte, senza chiedermi mai il motivo della mia scelta, senza rinfacciarmi mai che pochi anni prima ero dall’altra parte imbracciando un mitragliatore.

Luca Pollini è un giornalista, scrittore e autore. Tra gli altri, ha pubblicato Hippie, la rivoluzione mancata (2017) e Woodstock non è mai finito (2018). Per il teatro ha scritto Restare, adattamento di Restare in Vietnam.

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

confine

‘Capire il confine’ di Giustina Selvelli. Tra biografia personale e storia della frontiera

Dal 17 aprile  la collana "le metamorfosi", curata da Martina Napolitano, si arricchisce del nuovo libro di Giustina Selvelli Capire il confine. Gorizia e Nova Gorica: lo sguardo di un'antropologa indaga la frontiera, un'indagine sulla frontiera, su un confine, su un margine sempre in movimento, contraddittorio, instabile, vivo. In Capire il confine, l'antropologa Giustina Selvelli sovrappone la sua biografia personale, intima e soggettiva,alla storia della frontiera, delle genti che la abitano, delle politiche che la fanno sparire e poi riemergere a seconda dei casi. Uno sguardo su Gorizia e Nova Gorica che tocca diversi periodi: dalla cortina di ferro all'eliminazione delle dogane, dalla rete divisoria durante la pandemia di Covid-19 alla sospensiоne dei trattati di Schengen sulla libera circolazione di persone e merci, dalla rotta balcanica alla vittoria della Capitale europea della Cultura 2025.