Giusy Siragusa: “Ogni quadro è una pagina del mio diario”

La pittrice Giusy Siragusa nata  a Termini Imerese il 7 Luglio del 1987 e da allora risiede a Sciara, provincia palermitana.
All’età di 10 anni aspira a diventare un architetto e alle scuole medie la sua inclinazione naturale è il disegno. Terminate le medie si iscrive all’Istituto d’Arte di Cefalù.

Poco prima di terminare gli studi Giusy Siragusa interrompe la sua attività artistica. Il blocco dell’artista, dovuto alla paura intrinseca di mostrare le sue opere e dalla poca fiducia in se stessa, dura dodici anni.

Dopo dodici anni Giusy Siragusa riscopre l’emozione di riprendere in mano la sua arte, osservando la tela bianca, in una notte, nasce Lussuria. La paura di mostrare la sua opera fa di nuovo capolino nella vita della pittrice. A spazzare via ogni timore è proprio questo suo primo lavoro, che riscuote un’enorme favore, non solo tra parenti ed amici ma anche agli occhi di Giorgio Gregorio Grasso, noto critico d’arte. Lussuria viene esposto alla Biennale di Venezia.

Questa opportunità consacra il successo dell’artista siciliana che prosegue il suo lavoro di pittrice ideando la collana i 7 peccati capitali. Giusy Siragusa diventa un’artista pluripremiata a livello nazionale ed internazionale.

Nell’anno 2018 viene nominata senatore accademico, riceve il Premio Culturale Internazionale Cartagine, unica Siciliana e italiana a ricevere tale nomina nella sezione pittura.

Nello stesso anno è nominata fra le 15 donne che si sono distinte nel territorio delle Madonie. Il quadro Dolore vince il Premio Eccellenza Europea delle Arti. Avarizia vince il Premio Budapest. Le opere di Siragusa celebrano le donne e la loro sicilianità attraverso la loro sinuoso figura che sembra essere un tutt’uno con la terra natia, il suo cromatismo e la sua consistenza.

Nel 2019 espone le sue opere in Italia: tra Milano, Caccamo, Piacenza, Sciara, Lesmo, Lissone, Carate, Roma e attualmente in mostra a Termini Imerese. Le sue esposizioni escono dallo Stivale arrivando a Budapest al MEAN e Parigi alla Galliera Thuiller.

Cosa rappresenta per Lei la pittura?

La pittura, l’arte tutta in generale è vita, ossigeno per chiunque riesca a soffermarsi un solo attimo nell’osservarla.
Anche una semplice matita è per me strumento di grandi emozioni, con essa è possibile rappresentante mondi a noi sconosciuti, si possono dire cose che mai avresti il coraggio di dire verbalmente. La pittura è semplicemente una scappatoia da un mondo che tante volte può apparirci stretto.

Come nascono i suoi quadri?

Non so di preciso da cosa e come nascono i miei quadri, tante volte è solo lo sfogo di svariate emozioni, raccolte in un particolare periodo, altre volte sto urlando per farmi ascoltare da una società diventata ormai troppo piatta. Mi piace definire ogni mio quadro, una pagina del mio diario, lì sono racchiuse le emozioni, i segreti, dei messaggi che vorrei siano letti, ma curandomi di camuffarli bene.

Perché ha deciso di dipingere proprio i setti peccati capitali?

I Sette Vizi Capitali nascono dopo un fermo artistico lungo 10 anni. Una sera d’inverno ,ripresi in mano i pennelli ripensando al mio vissuto, al tempo che ormai era trascorso, a quello che siamo e che diventeremo. Mi sono chiesta….Ma in realtà, ogni viso che osservo, ogni mano che ho toccato, ogni parola che ho sentito, chi era? Chi erano? Esistono esseri così perfetti? Esistono esseri così poco perfetti ?. Ecco cosa mi ha spinto alla realizzazione di questa serie.

I soggetti dei suoi quadri sono soprattutto donne. Perché questa scelta?

Non è una mia scelta programmata, quando mi siedo davanti ad una tela bianca, mi lascio trasportare dall’ispirazione e tutto viene da sé, non mi ero mai posta questa domanda, credo che quelle donne in realtà…siano il mio io.

Quali sono i suoi pittori o pittorici preferiti? Quanto ispirano la sua arte?

Non ho un pittore preferito, ammiro tutto ciò che sia Arte, adoro tutti i pittori, ognuno a suo modo lascia una traccia di sé nel loro vissuto e in quelli che verranno. Mi ha però da sempre affascinato in particolar modo L’urlo di Munch.

Nel 2018 viene insignita di due importanti riconoscimenti a livello nazionale: Premio Cultura internazionale Cartagine (unica siciliana ed italiana ad aggiudicarselo) e Premio eccellenza Europa delle Arti. Cosa ha significato per lei?

L’assegnazione di questi premi è stata per me una grande soddisfazione, il tutto è arrivato in modo inaspettato. Avevo accantonato la mia Arte per troppo tempo, spinta dalle mie insicurezze forse per l’immaturità nella comprensione, del dipingere per se stessi e non per piacere. Oggi queste esperienze mi fanno vivere con la consapevolezza che l’Arte nasce prima per se stessi e poi per regalare emozioni a chi osserva. La mia più grande gioia è far emozionare, emozionandomi.

Nello stesso anno viene nominata fra le 15 donne che si sono distinte nel territorio delle Madonie. Cosa ha rappresentato per lei?

Era proprio la vigilia dell’anno nuovo, mi trovavo a casa dei miei con la mia famiglia, sono stata informata di tale nomina, ho visto mio padre orgoglioso di me, orgoglioso di avermi spinta insieme a mia madre e a mio marito, a riprendere in mano i miei pennelli, loro sapevano che quelle mani di bambina che disegnavano e mai si fermavano di creare, erano ormai pronte e mature. E quella fu la risposta alle loro parole, cosa c’è di più bello nel vedere i tuoi affetti fieri ed orgogliosi?

Quanto è difficile essere una donna pittrice ai giorni nostri?

Ai giorni nostri il pittore ha perso il suo vero valore. Il ruolo dell’artista diventa sempre più marginale. Tutto si concentra sull’apparire il migliore e sul desiderio di guadagno. La competizione sociale ha coinvolto anche gli artisti che lottano per emergere tralasciando la loro funzione originaria.

 

Cancro e bodyart: il progetto terapeutico di Annamaria Mazzini

Anna Maria Mazzini è una pittrice romana con esperienze nel campo delle arti decorative e del restauro, oltre che in Italia, a Londra, New York, Florida, Los Angeles, Parigi e in altri Stati Americani. Nel suo lavoro vengono rappresentate le sue emozioni vissute intensamente, senza filtri, come racconta lei stessa attraverso la seguente presentazione del suo lodevole progetto.

TUTTO NASCE DA UNA PERSONALE ESPERIENZA DI MALATTIA ONCOLOGICA COME PITTRICE.

LA MALATTIA, LA VOCAZIONE, LA PAURA DI MORIRE, LA GIOIA DI VIVERE E IL MIO TALENTO MI HANNO PORTATO A TUTTO QUESTO. IO NON FACCIO ALTRE CHE SEGUIRE LA MIA VOCAZIONE.
DUE ANNI PRIMA CHE SI MANIFESTASSE IL CANCRO, L’HO DIPINTO SULLE TELE. QUANDO HO VISTO E SENTITO IL DOLORE DI UNA COLLEGA DI SVENTURA MENTRE SI COPRIVA QUEL SENO MUTILATO, I MIEI HOCCHI HANNO VISUALIZZATO UNA ROSA MERAVIGLIOSA CHE COPRISSE TUTTO QUEL DOLORE E COSI’ SONO PASSATA A DIPINGERE MENO TELE E Più CORPI CON EFFETTI PSICOLOGICI STRAORDINARI.

Non si tratta di un solo progetto ma più progetti che ruotano tutti intorno alla body art, tecnica di pittura corporea, il cui fine è quello di creare delle immagini molto particolari che raffigurano donne operate di tumore al seno e trasformare il cancro in un capolavoro.

Sono sopravvissuta a un carcinoma alla mammella il cui risultato positivo è stato favorito da azioni di prevenzione ed essendo una pittrice ho sperimentato con l’arte, la malattia e il mio talento, delle situazioni di guarigione molto efficaci che vorrei mettere a disposizione di tutte quelle donne che hanno subito un intervento al seno e si sono viste cambiare l’immagine di sé. A modo mio voglio cercare di dare a queste donne quello che la malattia le ha tolto.

Si tratta di far vivere un’esperienza integrata alla pittura corporea per la gestione della ferita all’immagine di sé. Trattamenti finalizzati a compensare sul piano estetico, l’alterazione somatica provocata dall’intervento chirurgico e RESTAURARE l’identità sessuale nascosta, e far sentire queste donne ancora belle.

Queste immagini piene di dolore, vergogna, paura ma soprattutto tanta bellezza che è quella che risulta esplodere a prima vista, saranno le protagoniste di tutti i progetti dell’Associazione Body art Therapy Italia aps, contribuendo alla ricerca sul cancro alla mammella e a dare messaggi sull’importanza di fare prevenzione. I progetti al momento da realizzare riguardano:

-MOSTRE FOTOGRAFICHE che parlano e raccontano di questa arte.
-12 MESI ROSA, IL CALENDARIO con le sue funzionalità originarie e in più immagini spettacolari piene di colori che stravolgono queste donne operate di tumore la cui cicatrice viene trasformata in un’opera d’arte insieme alle loro storie di coraggio, salvezza e speranza, da condividere con informazioni e contatti di aiuto e sostegno per chi intraprende un percorso di cure oncologiche.
-V.A.P VINO, ARTE E PREVENZIONE: viene proposta una serie di vini con una etichetta “sociale” in cui viene veicolato un messaggio sull’importanza di fare prevenzione per proporre campagne per la raccolta di fondi.
-Y.A.P YOGA, ARTE E PREVENZIONE: La pratica dello Yoga risulta essere un intervento efficace sia per i più giovani sia per gli anziani, per ridurre l’affaticamento psicofisico correlato al cancro e ai suoi effetti collaterali (Sprod et al., 2015).

Dagli studi emerge che le donne con carcinoma al seno se praticano Yoga sperimentano minor affaticamento nella vita di tutti i giorni (Taso et al., 2014) e notano una diminuzione dei sintomi legati alla depressione, all’ansia e ai disturbi gastrointestinali, quindi un miglioramento della loro condizione di salute e del benessere fisico (Pan, Yang, Wang, Zhang & Liang, 2017). Lo Yoga agisce positivamente sul sistema immunitario potenziandone le difese e favorendo un miglioramento dei sintomi fisici e psicologici (Agarwal & Maroko-Afek, 2018); in questo modo abbassa il livello di stress nelle vite dei malati oncologici (Nagendra, 2018). La pratica dello Yoga Consapevole aiuta anche a rispondere a episodi spiacevoli legati alla comunicazione della diagnosi e al trattamento, e a far fronte ai momenti in cui sperimentiamo perdita del controllo, incertezza sul futuro e paure di recidive (Carlson, 2017).

PERCHE’ TUTTI DOVREBBERO CONOSCERLO?

Non sono io a dirlo, ma vedo come rispondono gli altri quando si trovano davanti a quelle immagini e scoprono una novità assoluta nel mondo dell’Arte. L’entusiasmo e la gioia di condividere mi ha portato a parlarne anche a lei, e la ringrazio per avermi dato ascolto.
Conosco quei corpi martoriati dalla malattia e dalle terapie e da pittrice ho scoperto che la body art può darle VALORE.
Sono positiva e la mia energia è contagiosa.
Come lo è stato per me i colori aiutano la psiche a ritrovare il suo equilibrio, calmano il sintomo e accompagnano il processo di guarigione. Sento di dover condividere tutto questo.

‘Van Gogh Alive, The Experience’: a Roma fino al 27 marzo 2017

Dopo il successo ottenuto a Torino e a Firenze, Van Gogh Alive – The Experience  arriva a Roma, segnando una nuova tappa nell’ambito del progetto itinerante creato da ‘Grande Exhibitions’ che, dal 25 ottobre fino al prossimo 27 marzo, ha scelto lo storico Palazzo degli Esami a Trastevere, come luogo in cui ospitare la mostra interattiva dedicata all’affascinante opera del celebre pittore olandese.

Lo straordinario evento regala al pubblico un percorso di visita fuori dai canoni, per così dire, ‘tradizionali’, in cui lo spettatore è posto di fronte all’opera dell’artista. Qui, invece,  la visita si trasforma in una vera e propria esperienza multisensiorale che fa da ponte fra l’arte di oggi e di ieri. Una esibizione artistica-emozionale di 40 minuti si snoda tra grandi spazi delle sale del Palazzo in via Gerolamo Induno, che, dopo 20 anni di chiusura, ritorna a rinascere proprio grazie a Van Gogh.

Attraverso i più avanzati strumenti tecnologici e multimediali, il visitatore potrà così completamente immergersi nei vibranti colori usati dall’artista prendere letteralmente vita nella proiezione di 3.000 immagini fotografiche delle sue opere lungo pareti e colonne, soffitto e  pavimento delle sale del Palazzo in una realtà virtuale davvero immersiva grazie a SENSORY4 : “un sistema multimediale unico – ha spiegato Rob Kirk, curatore per ‘Grade Exhibitions’- che armonizza motion graphic multicanale, suono surround di qualità cinematografica, con oltre 40 proiettori ad alta definizione per fornire immagini dettagliate e particolari in primo piano”.

Vang Gogh Alive è una mostra che incontra la tecnologia, un viaggio poetico dove immergersi a 360 gradi nei capolavori dell’opera pittorica del grande Maestro dai capelli rossi e gli occhi chiari, dove le linee e i colori vivaci riflettono la capacità espressiva del tragico mondo di Van Gogh. Un’esperienza multisensoriale, dunque, non solo per gli occhi ma che dà allo spettatore la sensazione di toccare con mano il blu intenso della Notte stellata al punto da diventare un tutt’uno con l’opera proiettata ad alta definizione oppure immergersi nelle immagini animate dei famosi mulini a vento, arricchito da musiche estremamente evocative come quelle di Schubert, Vivaldi, Bach e tante altre.

Van Gogh e la sua pittura “inquieta”

La pittura permise a Vincent Van Gogh (Groot-Zundert, Brabante, 1853 – Auvers-sur-Oise 1890) di trovare se stesso nel suo eterno conflitto interiore, il cui talento artistico gli fu riconosciuto soltanto dopo la fine di quella sua vita confusa e inquieta vissuta tra il mal di vivere e la follia, all’ombra del fratello minore Theo. Numerose immagini di citazioni tratte dalle sue lettere al fratello, importantissime, tra l’altro al fine di comprendere la difficile personalità del pittore originario dei Paesi Bassi, sono incluse nella mostra in un ‘excursus’ sulla sua vita privata assieme alle 800 opere che il Maestro ha composto in 10 anni di intenso lavoro, operando una profonda rivoluzione nella storia dell’arte. A partire dal 1880, quando tardi decise di dedicarsi alla pittura nella Parigi degli Impressionisti, fino al 1890, negli ultimi anni della sua vita vissuta tra Arles, Saint Rémy fino a Auver-sur Oise, luogo in cui si spense in una modesta camera d’albergo.

C’è tempo fino a marzo 2017 per immergersi nei colori e nello stile unico di Van Gogh all’interno degli 11 mila metri quadrati di Palazzo degli Esami di Roma.