Breaking News
Home / Tag Archives: Uno nessuno e centomila

Tag Archives: Uno nessuno e centomila

Luigi Pirandello: studi onomastici intorno ad ai personaggi di Mattia Pascal, Adriano Meis e Vitangelo Moscarda

Luigi Pirandello

Luigi Pirandello è uno degli autori italiani a quali sono stati dedicati innumerevoli studi di onomastica letteraria negli ultimi anni. L’Onomastica è il ramo della Linguistica che si occupa di studiare gli antroponimi ossia i nomi propri di persona. La scelta onomastica affonda le sue radici nella poetica pirandelliana, nel suo relativismo, nel pedissequo contrasto tra forma e realtà e tra persona e personaggio. L’uomo moderno è investito da una profonda crisi d’identità. L’autenticità della vita è costantemente messa a rischio dai meccanismi sociali che imprigionano l’uomo in una rete di convenzioni ed infigimenti e gli impongono l’identità fittizia di una maschera. Due sono le maschere: una indossata da noi e l’altra imposta da chi ci osserva. Da uno si diventa centomila e infine nessuno. Si smette di essere persona e ci si confina ad essere personaggio con una propria forma che si ripete indefessamente fino a giungere alla completa disgregazione dell’io. Il nome è tutto soprattutto quando si è convinti di vivere come personaggi.

Read More »

10 frasi per ricordare Luigi Pirandello a 150 anni dalla sua nascita

Luigi Pirandello è uno degli scrittori e drammaturghi più significativi del panorama letterario del '900, vissuto negli anni del crollo del positivismo e nel periodo dell'età giolittiana con la  conseguente crisi dello Stato italiano. Questo senso di disagio si riversa inevitabilmente sull'uomo e l'intellettuale Pirandello che non si riconosce più e fatica a trovare una posizione all'interno della società. Da queste premesse si sviluppa il relativismo pirandelliano e quindi il contrasto tra forma e vita: l'uomo e le cose cambiano in base a chi li percepisce, dunque l'uomo non è uno solo ma ha tante forme: crede di essere unico ma è centomila e alla fine nessuno. Questo nessuno è costretto ad indossare una maschera per relazionarsi con la società, la quale impone dei condizionamenti sociali che impediscono il manifestarsi di una vita autentica. L'unico modo per sfuggire da questa condizione di falsità è la follia: attraverso di essa infatti l'uomo può smascherarsi e svelare il vero io. Questa è ciò che Pirandello definisce,umorismo, sentimento del contrario. 

Read More »
Exit mobile version