Breaking News
Home / Rubriche / Il pezzo di carta del neo-ministro dell’istruzione Valeria Fedeli

Il pezzo di carta del neo-ministro dell’istruzione Valeria Fedeli

Non si placano le polemiche sul neo-ministro all’istruzione Valeria Fedeli e sulla sua millantata laurea. Ciò che ha fatto e sta facendo discutere è stata la mancanza di sincerità da parte della Fedeli, mentendo sul suo titolo di studio. Il ministro, o meglio ministra (come piace farsi chiamare a lei) Fedeli si è scusata per aver mentito; ma viene da chiedersi: non sarebbe stato più opportuno piazzare al ministero dell’istruzione una persona che ha avuto esperienza nell’ambito scolastico, sebbene il ruolo di un ministro è quello di ascoltare i tecnici impiegati al ministero e di mediar, quando il governo propone una legge, tra gli interessi dei partiti e le informazioni dei tecnici, facilitando la creazione di una legge che abbia speranze di essere approvata dal parlamento. Se è vero che per fare il ministro non è indispensabile avere una laurea, non lo è nemmeno possedere la tessera di un sindacato.

Governo Gentiloni laurea Ministero dell'Istruzione Valeria Fedeli 2016-12-20

About Pee Gee Daniel

Pee Gee Daniel è nato a Torino nel 1976, vive in Alessandria. Ha pubblicato i romanzi Gigi il bastardo (& le sue 5 morti), Montag, Phenomenorama, Inbooki, Il politico, Golena, Lo scommettitore, Leucotea, Ingrid e Riccione, La Gru, Sulle tracce della Ci**gna Voltaica, Twins, Il lungo sentiero dai mattoni dorati, e-piGraphe e il saggio Il riso e il comico, Montag. È librettista del musical Cogli l'attimo, con le musiche di Fabio Zuffanti. Insieme all'attore Omid Maleknia ha curato Spettacolo d'evasione, che vede alcuni detenuti del carcere Don Soria di Alessandria nella veste di cabarettisti.
Previous Scipio Slataper, il desiderio di trovare una ‘parola nuova’ e di superare l’individualismo
Next Dopo il Jobs Act il ministro Poletti scivola sulla ‘fuga dei cervelli’

Check Also

‘Un anno a Salamanca’, il diario di viaggio di Alessandra Agnoletti

L’interminabile tragitto in autobus, dalle 14.00 alle 16.30, con il Madrid-Salamanca Express, sotto il sole cocente di Spagna mi ha dato la possibilità di riflettere sugli ultimi frenetici giorni di preparativi, saluti, impegni. Giorni riempiti di tutto purché niente e nessuno mi facesse desistere dalla mia partenza. Neppure un istante ero rimasta sola con me stessa a pensare. Troppo rischioso: avrei valutato razionalmente la cosa, avrei ceduto ai sensi di colpa, alla richiesta di mia madre, di mia nonna di restare accanto a loro. Ogni sera ero più stanca della precedente cosicché mi addormentavo senza prendere coscienza della mia incoscienza.

Exit mobile version