Breaking News
Home / Rubriche / Maria Elena Boschi: da ministro perdente a sottosegretario del governo Gentiloni
maria elena bosci

Maria Elena Boschi: da ministro perdente a sottosegretario del governo Gentiloni

 

Maria Elena Boschi giura da sottosegretario del governo Gentiloni sulla Costituzione che voleva affossare. Aveva dichiarato come il suo capo Renzi, che qualora avesse vinto il NO al referendum, avrebbe abbandonato la politica. Nessuno ci ha fatto caso più di tanto alla fine, tanto siamo abituati a politici bugiardi. Una brillante carriera quella della fatina Boschi: da Madonna nel presepe di Laterina, a sottosegreterio del governo Gentiloni, passando per ministro per le riforme costituzionali e per i rapporti con il Parlamento. Non c’è limite all’indecenza.

Governo Gentiloni Maria Elena Boschi politica italiana 2016-12-13

About Pee Gee Daniel

Pee Gee Daniel è nato a Torino nel 1976, vive in Alessandria. Ha pubblicato i romanzi Gigi il bastardo (& le sue 5 morti), Montag, Phenomenorama, Inbooki, Il politico, Golena, Lo scommettitore, Leucotea, Ingrid e Riccione, La Gru, Sulle tracce della Ci**gna Voltaica, Twins, Il lungo sentiero dai mattoni dorati, e-piGraphe e il saggio Il riso e il comico, Montag. È librettista del musical Cogli l'attimo, con le musiche di Fabio Zuffanti. Insieme all'attore Omid Maleknia ha curato Spettacolo d'evasione, che vede alcuni detenuti del carcere Don Soria di Alessandria nella veste di cabarettisti.
Previous E sarebbero giornalisti? Il giornalismo televisivo e il contraddittorio nullo
Next A Napoli 150 tesori nascosti in mostra nella Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta fino al 28 maggio

Check Also

‘Un anno a Salamanca’, il diario di viaggio di Alessandra Agnoletti

L’interminabile tragitto in autobus, dalle 14.00 alle 16.30, con il Madrid-Salamanca Express, sotto il sole cocente di Spagna mi ha dato la possibilità di riflettere sugli ultimi frenetici giorni di preparativi, saluti, impegni. Giorni riempiti di tutto purché niente e nessuno mi facesse desistere dalla mia partenza. Neppure un istante ero rimasta sola con me stessa a pensare. Troppo rischioso: avrei valutato razionalmente la cosa, avrei ceduto ai sensi di colpa, alla richiesta di mia madre, di mia nonna di restare accanto a loro. Ogni sera ero più stanca della precedente cosicché mi addormentavo senza prendere coscienza della mia incoscienza.

Exit mobile version