Breaking News
Home / Eventi / Premio Alassio: vince Giorgio Falco
La gemella H

Premio Alassio: vince Giorgio Falco

Giorgio Falco
Giorgio Falco

Il premio della città di Alassio “Un Autore per l’Europa” è stato vinto quest’anno da Giorgio Falco con il suo romanzo La gemella H edito da Einaudi. La giuria del premio è formata da docenti di letteratura italiana di prestigiose Università europee ed è presieduta dal professor Giovanni Bogliolo, rettore dell’Università di Urbino.

Il romanzo di Giorgio Falco è stato stimato come il libro con la migliore rispondenza dell’opera ai valori di internazionalità che caratterizzano il Premio. Falco si aggiunge così a numerose firme illustri della letteratura contemporanea legate al premio letterario, che vanta nomi come da Rosetta Loy premiata nel 1996 con Cioccolata da Hanselmann, Margaret Mazzantini con Venuto al mondo nel 2009, Marcello Fois nel 2007 con la Memoria de vuoto e Paolo Giordano con La solitudine dei numeri primi nel 2008. I finalisti dell’edizione 2014 erano Silvia Ballestra con Amiche mie, Alessandro Mari con Gli alberi hanno il tuo nomeMelania Mazzucco con Sei come sei, Antonio Scurati con Il padre infedele ed Alessio Torino con Urbino, Nebraska.

La gemella H si confonde con un romanzo storico sul nazismo, dignitoso, ma a tratti pedante; l’ambientazione iniziale è in una cittadina bavarese inventata; dopo qualche pagina però ci si sposta sempre più vicino a noi, da Merano a Milano, fino a Milano Marittima. Una storia di segreti, di identità nascoste, di verità celate. Una storia di trasformazioni certosine e terribili; una storia nostra, vera, che ricorda cosa ha prodotto la guerra e il totalitarismo: una sotterranea ed invisibile sottrazione di responsabilità. La quotidianità banale e indefinita nasconde gli orrori più grandi. La storia di una famiglia che cerca di sopravvivere dopo la guerra. Rimozioni e ambizioni apparentemente sepolte eppure sempre presenti. Un libro crudo, che sembra voler ricordare ciò che si è voluto dimenticare.

La premiazione ufficiale e la consegna del premio avrà luogo il 30 Agosto in piazza Partigiani. L’appuntamento coincide con la ventesima edizione del premio letterario. Il Premio letterario “Un Autore per l’Europa” è il punto d’arrivo di una serie di iniziative di promozione culturale a cui la Città di Alassio, tramite il suo Servizio Bibliotecario, ha cominciato a dare vita nel 1974 con gli “Incontri con l’Autore”. Nasce così l’idea di un premio di narrativa italiana sottoposta al vaglio di una giuria di Italianisti stranieri che si occupano di informazione culturale e di insegnamento nelle Università europee. Alassio dunque diventa un luogo di incontro e di cultura. La presenza di personalità di spicco del panorama culturale non solo nazionale contribuisce al successo del Premio, assicurando all’ iniziativa un respiro europeo davvero unico nel suo genere.

Roberto Saviano si espresso a proposito del romanzo in questi termini: “Leggo questo romanzo e finalmente la parola si accende in testa, in contrasto forte con quel grigio sommesso. La parola è semplice, assoluta. Arriva precisa, a dare un nome a ciò che di più mi avvince in questa lettura. E insieme prende forma, pagina dopo pagina, una ignota creatura barbarica selvaggia e paurosa, anch’essa a un passo dai peggiori incubi del poeta Yeats, se non del narratore Lovecraft. Emerge da subito come isola d’inchiostro da queste frasi l’unica cosa che realmente riusciamo a conoscere in questa vita, che ci segna il corpo e l’anima, che ci trasforma da due gemelle in una sola creatura, la cosa capace di tutte le meraviglie e i tremori, e i tremori, quell’unica cosa che, scriverebbe Falco, mai ci ha tradito: la merce.”

Tuttavia La gemella H sembra non offrire nulla di nuovo, le prima pagine sembrano promettere bene ma la storia, ma man mano che si va avanti, si perde; e francamente il paragone che si legge sul retro pagina tra Falco e Mann (in particolare l’accostamento al capolavoro I Buddenbrook) è improponibile.

Di Michela Iovino

vai al sito macrolibrarsi

About Michela Iovino

Le parole aiutano la "coraggiosa traversata" della realtà, così scrisse una volta Elsa Morante. Lo credo anche io, fermamente, per questo scrivo. Amo l'arte, la musica classica, il cinema e in particolar modo la letteratura, che è essenziale punto d'appoggio. Nei frattempo della vita colleziono storie, forse un giorno ne scriverò qualcuna!

Check Also

Premio Campiello 2017: vince Donatella Di Pietrantonio con L’Arminuta

Anche quest'anno, come di consueto, il Teatro La Fenice Di Venezia è stato la fastosa cornice della 55esima Edizione del Premio Campiello 2017. Le cinque opere prescelte dalla Giuria dei letterati composta, da Federico Bertoni, Philippe Daverio, Chiara Fenoglio, Paola Italia, Luigi Matt, Ermanno Peccagnini, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, Lorenzo Tomasin, Roberto Vecchioni ed Emanuele Zianto e presieduta dall'attrice Ottavia Piccolo, sono state  sottoposte al giudizio dei trecento letterati.