Breaking News
Home / Opere del '900 / Sottomissione di Michel Houllebecq: una lettura necessaria
sottomissione

Sottomissione di Michel Houllebecq: una lettura necessaria

“L’Europa è un continente morto. Oggi è in mano ai mercati, domani forse all’Islam”. Questa l’opinione, la visione terrificante di Michel Onfray, tra i più noti intellettuali francesi, nel commentare il romanzo in questione, Sottomissione, sul Corriere della Sera del 15 Gennaio di quest’anno. Il senso del libro di Houllebecq, che è visionario e realistico allo stesso tempo, in effetti, sembra essere proprio questo: non  un avvertimento sul tanto decantato imminente pericolo islamico, quanto una cruda analisi sulla debolezza esistenziale degli individui europei , in questo caso, significativamente francesi che ,a poco a poco, abbandonandosi alla comodità della sicurezza, della pigrizia, della vacuità e della tranquillità esistenziale, si sottomettono in modo democratico e consapevole. Francois, unica voce narrante e protagonista del romanzo, è un moderno “uomo senza qualità”, parafrasando l’austriaco Robert Musil, un intellettuale che incarna a pieno la parabola discendente della forza valoriale della tradizione d’Europa: un uomo di una normalità assoluta.

Già Tocqueville aveva ampliamente spiegato ne La democrazia in America, come la sostituzione con il mero interesse economico, operata per mezzo di secoli di cambiamenti filosofici e antropologici, dei valori  dell’Europa pre-illuminista e  la conseguente sostituzione della logica del coraggio, per semplificare, con quella del profitto, avevano sfibrato e privato l’uomo della necessità partecipativa ai processi politici ed economici e come l’unico valore veramente ricercato dall’uomo moderno fosse la tranquillità, correlata ad una quasi deontologica assenza volontaria da qualsivoglia ruolo politicamente  attivo. Nel romanzo di Houllebecq accade esattamente questo: tutto cambia e si trasforma nel mondo attorno a Francois senza che egli percepisca il minimo impulso di voler o dover fare qualcosa. Il tutto in nome della promessa e ambita tranquillità.

Gli occidentali appaiono tristi, stanchi, depressi, senza nessuno slancio, privi di mordente e quindi tutti potenzialmente già sudditi e facilmente sottomettibili. E così l’uomo totalmente nichilista dell’Europa contemporanea fa l’ultima cosa che gli rimane da fare per cercare di recuperare un briciolo di identità: si converte. Così come, sembrerebbe in modo profetico, viene dipinta sullo sfondo l’immagine di un’Europa diversa, di un’Europa completamente desertificata culturalmente, privata della sua più peculiare natura identitaria, di un vecchio continente talmente tanto impoverito nell’animo da essere costretto a divenire qualcos’altro pur di non scomparire nel nulla valoriale. Non c’è più il nostro Dio, non c’è più l’umanesimo integrale che ha pervaso le coscienze degli europei nei secoli, non c’è fibra tra gli uomini, non c’è difesa delle proprie provenienze culturali e artistiche: è tutto tragicamente morto. E così qualsiasi identità va bene, purchè non scomodi o sconvolga le dinamiche esistenziali del protagonista del romanzo.

Con lo stimolante e criticato Sottomissione, Michel Houllebecq si candida a ruolo di cantore della scomparsa dell’Occidente per come lo abbiamo intravisto e, in parte, conosciuto. Questo sarà sì un romanzo fantapolitico caratterizzato da un linguaggio “sporco” e freddo tipico del suo autore, ma parla di un suicidio volontario preparato e costruito nei decenni, il suicidio di una civiltà che ha smesso di essere se stessa, ha delegato, ad oggi, al denaro, forse un giorno delegherà all’Islam, a tutto, pur di non accettare di dover recuperare le proprie radici per poter smettere di essere profondamente sottomesso.

About Francesco_Boezi

Check Also

Kirino

‘Una storia crudele’, il thriller psicologico di Natsuo Kirino che fa trapelare una giustificazione per l’autoalienazione

Non è usanza di Hatsuo Kirino andarci leggera con le storie truci e con questo Una storia crudele, romanzo thriller del 2004, ce ne da ulteriore conferma, non è un libro per stomaci delicati. La trama stessa, e non solo la grande capacità introspettiva dell’autrice, lo suggeriscono. La storia parte infatti con una lettera, tanto semplice quanto crudele. Anzi da due. La prima è quella che il marito della protagonista (Ubukata Keiko, conosciuta con lo pseudonimo di Koumi Narumi) invia all’editore di lei, che è una scrittrice, avvertendolo che la donna è scomparsa ormai da due settimane e che ha lasciato quel manoscritto per lui. La seconda lettera è la causa scatenante di tutti gli eventi, che viene inserita dalla stessa Keiko in testa al suo nuovo romanzo, Una storia crudele appunto. Quest’ultima le è stata inviata da Abekawa Kenji, l’uomo, da poco uscito di prigione, che l’aveva rapita quando aveva appena dieci anni. Da qui ci immergiamo nel romanzo di Keiko, che decide di raccontare dopo più di vent’anni la storia del suo sequestro.