Breaking News
Home / Altri mondi / Nicoletta Lembo: tra buio e luce
lembo

Nicoletta Lembo: tra buio e luce

La pittrice italiana contemporanea Nicoletta Lembo nasce a Castagneto Carducci (Livorno). Il lavoro del padre (guardia di finanza) la porta a spostarsi in varie parti d’Italia. La Toscana è la regione in cui visse più a lungo, dove la madre lavorava sulle sculture in marmo. Nicoletta, ammirando il lavoro della madre, si innamora dell’arte e inizia fin da piccola a disegnare, colorare. L’amore per l’arte cresce insieme e si appassiona in particolare al mondo della pittura tanto da desiderare di imitare un giorno i grandi pittori.

Dopo aver conseguito il diploma di maturità tecnica, e svolto parte degli studi a Napoli, la Lembo si trasferisce in Puglia per un lungo periodo e inizia gli studi presso l’accademia delle belle arti di Lecce. Si laurea con il massimo dei voti presentando la tesi sul Boccione, al quale si ispira e influenza le sue prime opere.

Nicoletta Lembo
La pittrice Nicoletta Lembo

Dopo essersi trasferita nella provincia di Salerno, paese dei nonni paterni, e dopo un percorso sullo studio delle luci e dei colori l’architettura, l’artista trova una propria dimensione artistica: figure e paesaggi astratti in cui si evidenziano con facilità le forme. Dunque, le sue opere dapprima sono una rappresentazione in astratto delle forme, successivamente diventano un’interpretazione semplice della realtà.
Nel corso della sua carriera ha organizzato e partecipato a molti eventi importanti che le hanno consentito di incontrare e di confrontarsi con altri artisti.

Le opere della pittrice italiana contemporanea richiamano i propri ricordi d’infanzia, l’amore per l’arte che rispecchia il lavoro della madre. Da ciò si deduce come l’artista vive profondamente tutto ciò che vive e che fa parte della sua vita, per poi far rivivere le emozioni nelle proprie opere attraverso angoli bui e zone di luce.

Lembo

L’arte di Nicoletta lembo, dunque, è un ritratto dalla propria esistenza, nasce e si sviluppa dal suo mondo interiore che riporta nei suoi dipinti con pennellate veloci, forti e incisive.

Oggi dalle sue opere si nota che l’artista ama privilegiare le tonalità calde, tratti decisivi e accordi cromatici di elevato impatto. Tende alla perfezione assoluta che esprime intensamente ciò che sente e che cerca di conquistare completamente l’osservatore.

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Clint Eastwood

“Richard Jewell”, il nuovo granitico film di Clint Eastwood basato su una storia vera

A ottantanove anni e il quarantaduesimo film da regista Clint Eastwood assomiglia ormai a una delle sculture dei volti dei presidenti Usa scolpite nella roccia del Monte Rushmore in Dakota. Non solo e non tanto nei lineamenti istoriati di rughe eppure dotati di un’espressione fiera e uno sguardo vivido, però, quanto nello stile delle sue messinscene che sono diventate sempre più essenziali, sobrie, inscalfibili, appunto granitiche. Repubblicano ostile ai liberal ma implacabile nel denunciare malefatte, zone d’ombra e ingiustizie tollerate dal fronte conservatore, l’autore di capolavori come “Un mondo perfetto”, “Gli spietati”, “Gran Torino”, “Mystic River”, “Million Dollar Baby” e tanti altri conferma, in effetti, anche nel nuovo “Richard Jewell” di volere e potere restare soprattutto “fedele a se stesso” come recita il titolo del bellissimo libro di interviste curato da Robert E. Kapsis e Kathie Coblentz recentemente pubblicato da Minimum fax.