Breaking News
Home / Altri mondi / ‘Florence’, la storia di un desiderio fatale dal 22 dicembre nelle sale italiane
Florence-Streep

‘Florence’, la storia di un desiderio fatale dal 22 dicembre nelle sale italiane

Dopo essere stato distribuito lo scorso 6 maggio nelle sale britanniche, finalmente giovedì 22 dicembre anche nelle sale italiane debutterà Florence il nuovo film di Stephen Frears tratto dalla storia vera dell’omonima cantante lirica, il cui “dono” era quello di non saper cantare. Nelle vesti della protagonista di Florence ci sarà il premio Oscar Meryl Streep che già nel musical Mamma mia aveva dimostrato le sue  grandi doti canore. La sfida questa volta sarà al contrario.

Ambientato nella New York degli anni ’40 del ‘900 il film narra le vicende della cantante Florence Foster Jenkins che, incoscia delle sue scarse capacità, si diletta a esprimere il proprio talento in ambienti privati con un pubblico scelto composto in prevalenza da amici. Supportata nel suo sogno dall’ amico compositore Cosmé McMoon (interpretato da Simon Helberg noto per il ruolo di Howie nella serie tv “The Big Bang Theory”) e dal marito Clair Bayfield (interpretato da Hugh Grant), primo sostenitore e manager, riesce a debuttare alla Carnegie Hall, il teatro più ambito di New York. Sarà proprio in questa occasione che verrà messa dinanzi ad un’amara verità. Il film vanta ben 4 candidature al Golden Globe per i protagonisti Meryl Streep e Hugh Grant, il non-protagonista Simon Helberg e come miglior film o commedia musicale.

Florence: Una storia vera

Florence Foster Jenkins nacque il 19 luglio 1868 a Wilkes-Barre. Sin da piccola aveva mostrato la volontà di intraprendere la carriera musicale. Il padre, uomo austero e severo, non voleva pagarle gli studi all’estero. Dopo la sua morte, Florence ereditò un ricco patrimonio che le permise di seguire il sogno tanto agognato. Nonostante i suoi sforzi però riuscì ad ottenere il successo sperato, non per il suo talento, ma per la sua vivacità e ottimismo. Si dice fosse così sicura delle proprie doti da paragonarsi addirittura a cantanti di fama internazionale. Florence divenne la cantante lirica stonata più famosa al mondo. Il suo debutto alla Carnegie Hall del 1944 grazie al suo manager e marito Clair Bayfield, l’unico che la sosterrà fino alla fine, segnerà una tappa fondamentale per la sua carriera.

Florence è la drammatica storia di come una melomane non dotata possa, con la sua ostinazione e con la compiacenza del proprio consorte e di un maestro, perseguire quello che non è, come si può facilmente pensare, un capriccio, ma un bisogno: per la facoltosa donna infatti, il bel canto funge da terapia.

Aspettiamoci da Frears, passato agli annali del cinema per la pellicola Le relazioni pericolose, non un semplice e bizzarro biopic trasferito nella New York degli anni quaranta, che ci consegna la caricatura della pseudo cantante lirica, ma, sulla scia della precedente pellicola Marguerite di Xavier Giannoli, del 2015, il regista britannico racconta il desiderio fatale, la fantasia ossessiva di una donna (che siamo certi sarà interpretata da una sempre strepitosa Meryl Streep) realmente esistita, ma dominato totalmente dal suo desiderio, riflettendo sul ruolo che l’arte ha nella nostra società. Da non perdere.

 

About Elisabetta Rossi

Mi chiamo Elisabetta Rossi. Sono Laureata in Lettere Moderne e specializzata in Filologia Moderna presso L'università di Napoli Federico II. Sin dai tempi del liceo sono sempre stata affascinata dalle materie letterarie da qui deriva la scelta del mio corso di studi all'università. Il mio sogno è di poter trasmettere la mia passione per le lettere ai giovani.

Check Also

Ellsworth Kelly

I brividi, se non altro: appunti sul minimalista Ellsworth Kelly

"Lime and limpid green, a second scene, a fight between the blue you once knew"....sono i primi due versi del primo pezzo del primo disco dei Pink Floyd, UK press. Sono nubi di gas grandi miliardi di volte il sole e incendiate da lampi di luce cosmica milioni di anni fa, quando solo l'Africa era abitata, prima che il mondo si sparpagliasse in continenti, e solo quegli uomini videro in cielo quel bagliore. Ed è il colore che parla da solo. È tutto ciò che rimane di fronte all'orizzonte degli eventi, quando tutto ciò che è umano e conosciuto viene spazzato via, che i buchi neri sono la parte sconosciuta e cattiva della natura - se però il colore è viola, allora sono campi di lavanda visti dalle nuvole (color field). Sono tele irregolari: si tratta dell'esponente del Minimalismo e dell'Hard edge painting, Ellsworth Kelly, si vola, e il profumo lo si sente fin qua.