Breaking News
Home / Altri mondi / ‘Palme nella neve’, il viaggio metafisico di Fernando Gonzàlez Molina

‘Palme nella neve’, il viaggio metafisico di Fernando Gonzàlez Molina

Palme nella neve (Spagna, 2015) è un film di Fernando Gonzàlez Molina, regista della versione spagnola di Tre metri sopra il cielo (2010) e Il guardiano invisibile (2017). La storia è ambientata negli anni ’50 e ’60 sull’isola africana di Fernando Poo (oggi Bioko), colonia spagnola fino al 1968, e trae spunto dall’omonimo romanzo bestseller di Luz Gabas. La trama narra le vicende di Clarence Rabaltué che, dopo la morte del padre, trova un plico di lettere nella casa di famiglia sui Pirenei, cioè la corrispondenza tra il padre Jacobo e lo zio Kilian durante gli anni che hanno trascorso a Fernando Poo. Clarence si appassiona alla storia della sua famiglia e parte alla volta dell’Africa per scoprire i segreti celati tra le righe di quelle lettere. Palme nella neve è una storia che parla del rapporto tra colonizzatori europei e popoli indigeni, della violenza e della nascita di insolite amicizie, dell’amore che abbatte tutte le barriere e dell’odio che crea fratture impossibili da ricucire.

Palme nella neve: lo sviluppo narrativo

L’isola di Fernandoo Poo fa da sfondo a un film sul filone de La mia Africa, un continente magico dove spesso si intraprende un viaggio più metafisico che reale, a contatto con la natura e con se stessi. Questo è ciò che accade a Jacobo e Kilian, due fratelli molto legati che si troveranno a scontrarsi e a separarsi per sempre a causa di divergenze di opinioni sul modo di trattare gli autoctoni: Jacobo è il classico colonizzatore, che vede gli abitanti di Fernando Poo solo come oggetti, gli uomini per il lavoro nei campi, le donne come strumenti del suo piacere; Kilian invece vuole integrarsi, su quell’isola trova degli amici e anche l’amore, purtroppo brutalmente interrotto a causa della guerra civile e anche delle convenzioni sociali dei popoli africani.

Palme nella neve è un mistero a cavallo fra due archi temporali, una storia di integrazione e rinascita per la famiglia di Kilian, ma anche per un intero popolo. Si tratta di un dramma sentimentale spagnolo tratto dal romanzo Palme nella neve di Luz Gabas, una saga familiare sul genere de La notte ha cambiato rumore di María Dueñas. Purtroppo l’andamento narrativo di questo film è discontinuo, a tratti molto lento e altre volte eccessivamente veloce, per poi arrivare a un finale della storia che non soddisfa. Il rapporto fra Kilian e la giovane indigena non termina né bene né male, semplicemente non viene mostrato, lasciando intuire allo spettatore una loro separazione di lì a breve.

Palme nella neve è interpretato da un cast che vanta gli attori spagnoli più famosi del momento: Mario Casas, Berta Vázquez, Adriana Ugarte, Macarena García, Fernando Cayo, Daniel Grao, Alain Hernández, Laia Costa e Luis Callejo, alcuni dei quali hanno anche recitato nella serie tv tratta dal romanzo La notte ha cambiato rumore di Marìa Dueñas.

 

 

About Ornella De Luca

Mi chiamo Ornella De Luca e sono nata il 26 Maggio 1991 a Messina. Sono laureata in 'Editoria e giornalismo', e oltre che per '900 letterario scrivo sul mio blog ornelladelucabooks.wordpress.com/. Sogno di fare la scrittrice e ho anche pubblicato un romanzo per l'Onirica Edizioni: 'La consistenza del bianco'.

Check Also

Godard

Addio a Jean-Luc Godard, tra i massimi pionieri della storia del cinema

Jean-Luc Godard è il regista che, insieme agli altri componenti della Nouvelle vague – il movimento che caratterizzò la cinematografia francese sul finire degli anni Cinquanta – ha iniziato una delle rivoluzioni iconografiche più importanti del Novecento e ha cambiato per sempre non solo il modo di fare film e raccontare storie, ma anche il modo di fruirle. In un lasso di tempo relativamente breve, tra il 1960 e il 1967, Godard girò 15 pellicole attraverso cui operò una vera e propria rivoluzione, cambiando i codici stessi del linguaggio cinematografico: un’eredità dalla quale i grandi film d’autore non possono prescindere. Un esempio sono le connessioni stilistiche tra i film di Godard e quelli di Wes Anderson, di Quentin Tarantino o di Xavier Dolan, solo per citarne alcuni.