Breaking News
Home / Eventi / Al via il XXIX Premio Marostica, città di Fiabe con la mostra di Gabriel Pacheco
Premio Marostica

Al via il XXIX Premio Marostica, città di Fiabe con la mostra di Gabriel Pacheco

Si terrà sabato 30 novembre a partire dalle 16 al Castello Inferiore di Marostica l’attesa premiazione della 29^ edizione del Premio Marostica Città di Fiabe, il concorso di letteratura per l’infanzia dedicato alla poetessa marosticense Arpalice Cuman Pertile (1876-1958), promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune.

“Il Premio Marostica Città di Fiabe è ormai uno dei premi di letteratura per l’infanzia più importanti del panorama italiano” dichiara il consigliere delegato al Premio Marialuisa Burei “Il concorso anche quest’anno ha raggiunto risultati importanti, in termini di numeri, con un considerevole aumento di partecipazioni (321 le opere pervenute), ma soprattutto con una accentuazione della qualità degli scrittori, che hanno presentato 174 fra fiabe, favole e racconti fantastici; 98 poesie; 49 racconti realistici”.

Come da tradizione, la consegna dei premi, dalle 16, sarà l’occasione per un insieme di eventi dedicati al mondo dei bambini e alle diverse arti. Dopo gli interventi del sindaco Matteo Mozzo, del consigliere Marialuisa Burei e della presidente della giuria Donatella Lombello, sarà il coro Gioventù in Cantata, diretto da Cinzia Zanon, ad eseguire con le voci bianche dirette da Elisa Maroso i brani di Poesia in Canto (testi musicati di passate edizioni del premio), accompagnate al pianoforte da Massimo Zulpo. Una volta annunciati i vincitori e i segnalati, sarà il giurato Alessandro Quasimodo, figlio dell’illustre Premio Nobel, a leggere i testi delle opere premiate, insieme ai giovani alunni dell’Istituto Comprensivo di Marostica e di Lusiana.

A seguire, alle 18.15, nella sala mostre del Castello, l’inaugurazione della mostra dell’illustratore di origine messicana Gabriel Pacheco, “Lo specchio delle immagini”, realizzata in collaborazione con Fondazione Štěpán Zavřel, una rara occasione per immergersi nel mondo incantato del colto illustratore, nominato all’Astrid Lindgren Memorial Award (fino al 6 gennaio 2020).

Fra gli eventi collaterali si segnalano inoltre venerdì 29 novembre (ore 20.30) alla Chiesetta San Marco il concerto “Exodus. Musica in cammino. Mito di Orfeo viaggio alla scoperta dell’opera lirica da Monteverdi a Puccini” con Luca Paccagnella al violoncello (ingresso libero);  sabato 7 e domenica 8 dicembre alla Chiesetta San Marco i laboratori di falegnameria didattica con “Legnoinsieme” riservati ai bambini dai 3 ai 12 anni, accompagnati da un adulto (dalle 10.30 alle 12.30, dalle 14.00 alle 16.00 e dalle 16.30 alle 18.30. Consigliata la prenotazione al numero 347.2917887); sabato 4 gennaio (ore 16.30), nella sede della mostra di Gabriel Pacheco, danze e letture animate per bambini dai 3 ai 12 anni con le associazioni culturali “Il Gufo” e “Danza Marostica”.

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Dante

‘Dantedì’: Una giornata per celebrare Dante, il “Sommo Poeta” e la nostra identità

A partire dall'anno corrente, il 25 marzo non sarà più considerato un giorno qualunque. Il Ministero dei Beni Culturali ha istituito nella sunnotata data il Dantedì, giornata dedicata alla celebrazione del “Sommo Poeta” Dante Alighieri. Infatti, proprio nel 2021, ricorrerà il 700esimo anniversario della morte del “padre della lingua italiana”. In occasione di questa festa letteraria ognuno di noi è invitato a partecipare e a dare il proprio contributo. In che modo? Leggendo, “postando” sui social, declamando, o semplicemente citando i meravigliosi versi che hanno unito milioni di generazioni e che continueranno ad unirle anche in questo momento non facile. Permettendo a tutti di farsi avvolgere dal potere eternante della poesia in un unico abbraccio collettivo, dal sapore “familiare”.