Breaking News
Home / Autori di successo / Le scelte che non hai fatto, di Maria Perosino
Le scelte che non hai fatto

Le scelte che non hai fatto, di Maria Perosino

Maria Perosino
Maria Perosino

Maria Perosino ci ha lasciato nel giorno in cui il suo romanzo vedeva la luce. Il suo libro, le sue parole, i suoi pensieri, le sue emozioni, prendono vita mentre l’autrice la lascia questa vita. Per una vita che nasce, un’altra volge al termine, questo è il  senso del suo romanzo Le scelte che non hai fatto.

Tutto ha inizio come in una semplice chiacchierata tra amiche. Nessun pensiero filosofico troverà spazio in queste pagine. Nessuna verità assoluta. Infondo, le certezze non sono di questo mondo e, forse, nemmeno di quell’altro.

Eppure non facciamo fatica a immaginarci seduti accanto alla nostra autrice, come in un sogno, come se camminassimo accanto a lei, sulle nuvole bianche, per parlare, esprimere ciò che sentiamo, ciò che nascondiamo. Descrivere e vivere quelle scelte che abbiamo fatto se pur non convinti, spinti forse da quella sicurezza, da quelle certezze, che piano piano sono destinate a svanire.

Ed eccolo lì, quel 49%, quella piccola parte di noi che avrebbe preferito compiere altre scelte. Quel “noi” che avrebbe desiderato gettarsi nell’incertezza, nel dubbio, che avrebbe preferito non sapere. E quel 51%? Da dove nasce? Dove ci porta? Dove ci condurrà? E perché abbiamo scelto lui? Perché ha vinto lui? Forse, questa volta, la risposta è molto più semplice. Quel 51% vince perché, ancora una volta, non siamo stati in grado di rischiare, di giocare. Infondo la vita è un gioco di carte in cui speriamo di avere la mano giusta.

E così ha inizio. Una collezione di storie diverse tutte legate a quelle scelte che avremmo preferito non dover prendere. Le donne che la Perosino ci racconta sono tutte nate durante gli anni del boom demografico, “l’ultima generazione  che si è sbucciata le ginocchia giocando e la prima che considera normale fare le condoglianze per sms”.

Maria le invita a cena con un menù che si presenta come un libro aperto che le porta a visitare, scoprire, vivere, ciò che l’inconscio tiene nascosto, sotterrato nei meandri dell’anima. Non ha caso il suo alter-ego è una dietologa-psicologa. E li si presenta quella voce che spesso ci rifiutiamo di ascoltare. Quella voce che vogliamo zittire non appena abbiamo deciso di percorrere una strada. Donne, che per il caso o destino o circostanze avverse, non hanno vissuto la vita che forse avrebbero voluto. Mille forse, mille dubbi, mille se, mille ma. Una storia fatte di domande e racconti. Di possibilità non afferrate. Di desideri nascosti. Di chi avrebbe voluto ma non ha potuto o non ha voluto. 

Dettagli e digressioni arricchiscono questo romanzo. Ma ciò che lo caratterizza è la scelta. Lo sliding doors o, più preciamente, quel momento, quell’istante esatto in cui ci troviamo a dover scegliere. La nostra autrice si domanda se sia possibile giungere con la memoria a quel momento esatto in cui tutto ha avuto inizio. A quel punto in cui i nostri sogni si sono infranti, spezzati, svaniti per aggrapparsi ad una certezza rappresentata da quel 49%. E’ possibile capire in quel preciso istante, quando quel bivio si mostra davanti a noi, quale sia la scelta giusta, la direzione giusta?

Purtroppo quel momento arriva sempre dopo. Troppo tardi. Quando tutto si è già costruito, quando tutto è ormai svanito alle nostre spalle e ciò che ci resta è rimpianto o solo desiderio di vivere una vita che non è la nostra.

E allora il destino? Il fato? E’ lui a decidere o siamo noi? Basta così poco per cambiare una vita, basta così poco per lasciarsi andare, dimenticare cosa avremmo voluto, cosa desideravamo prima di aprire quella porta, prima di quella scelta, prima che tutto si sgretolasse dall’interno.

Maria lascia così i sogni avvolti nei profumi, negli odori, nella malinconia. Lasciando la speranza e la voglia di una vita che sia un sogno, quel sogno mai realizzato.

“Le scelte si fanno in pochi secondi e si scontano per il tempo restante”.

(Paolo GiordanoLa solitudine dei numeri primi, 200)

 

 

 

About Gabriella Monaco

Check Also

Le due bambine si tengono la mano su per la scala buia e polverosa della vita. Il loro mondo è quello di un rione povero di Napoli, pare un paese sperduto, la città è appena dietro la collina ma sembra già un’altra realtà. Nelle strade, fra i palazzi la voce della violenza impesta l’aria, memorie di tempi lontani che affondano le radici ben prima della nascita delle due protagoniste di quest’ultimo libro di Elena Ferrante, L’amica geniale (edizioni e/o, pp. 329, € 18). L’infanzia di Lila e Lenù è un’infanzia di brutalità, di pietre in faccia, di sangue, di urla contro i genitori, di voli fuori dalla finestra scaraventate da padri imbufaliti. I bambini riproducono i comportamenti degli adulti, delle proprie famiglie, l’odio si rigenera nei figli eppure una strada alternativa sembra spalancarsi di fronte alle due ragazzine: la scuola, se sei bravo, se brilli la maestra ti apprezzerà e così l’intero rione, e chissà, forse potrai andare via, scrivere un romanzo e diventare ricco e famoso. E Lila era bravissima, aveva imparato a leggere da sola, sapeva fare i conti a mente a una velocità fulminea, pur essendo ribelle e fastidiosa in classe. Noi la guardiamo crescere attraverso gli occhi dell’amica Lenù, voce narrante, che la trova talmente intelligente che i suoi sentimenti d’affetto si mescolano spesso all’invidia e a un senso d’inferiorità e d’impotenza. Lenù è la ragazzina buona e diligente che non ha nulla di quel demone geniale che scorge così potente nella sua amica. Tenta di starle dietro, studia solo per cercare di superarla. Tutto inutile, Lila è troppo. Almeno Lenù si sente bella, è bionda e paffuta, Lila invece no, è così magra che sembra rachitica, con quei capelli neri sempre arruffati. Ma l’infanzia finisce e l’adolescenza stravolge tutto, Lila non può proseguire gli studi perché i genitori sono troppo poveri. Solo Lenù continuerà la scuola e sarà l’unica sua ricchezza, l’unica forza. E se per un po’ Lila tenta di starle dietro studiando latino e greco sulla panchina del giardino pubblico, e divorando romanzi presi in prestito nella biblioteca della scuola, ben presto comincerà a infuocarsi per altro, ad esempio per la politica che sembra finalmente dare “motivazioni concrete, facce comuni al clima di astratta tensione” che avevano respirato nel quartiere. “Il fascismo, il nazismo, la guerra, gli Alleati, la monarchia, la repubblica, lei li fece diventare strade, case, facce, don Achille e la borsa nera, Peluso il comunista, il nonno camorrista dei Solara, il padre Silvio, fascista peggio ancora di Marcello e Michele, e suo padre Fernando lo Scarparo, e mio padre, tutti tutti tutti ai suoi occhi macchiati fin nelle midolla da colpe tenebrose”. Quelle di Lila sono passioni brucianti che si consumano in un baleno. Ma se la scuola non è più per lei un modo per mostrare al mondo quel suo stile da fuoriclasse nel frattempo Lila è diventata bella, sensuale e corteggiatissima, sempre al centro dell’attenzione, immischiata più che mai nei meccanismi violenti del rione, tra spasimanti, fidanzati, fratelli, progetti imprenditoriali per arricchire la famiglia e un matrimonio ambiguo tra amore e convenienza. Questa è la storia dell’evolversi della vita attorno a quella stretta di mano nata durante l’infanzia. Le bambine crescono, cambiano, si osservano, si invidiano, si stimano, si amano. Sono l’una l’amica geniale dell’altra, lo specchio dentro cui osservare se stesse e la povertà di Napoli. Contro ogni aspettativa Lila, ribelle e fulminante, sembra affondare sempre più le sue radici tra i palazzi del quartiere, Lenù invece, nella sua insicura pacatezza comincia a desiderare di diventare altro, volare via. Non è questo un romanzo dalle grandi rivelazioni, di quella violenza del sud incancrenita e tramandata di generazione in generazione s’è già parlato molto, da Sciascia fino a Saviano. Eppure la scrittura luminosa di Elena Ferrante imbriglia la lettura e la trascina. E la storia è viva più che mai, le due ragazzine crescono sotto i nostri occhi con tutte quelle sfumature psicologiche che danno un’impronta profonda alla narrazione. La casa editrice e/o ha annunciato per i prossimi mesi altri volumi di Elena Ferrante sulla giovinezza, la maturità e la vecchiaia delle due amiche ‘geniali’. Sarà un raro esempio di romanzo di formazione italiano?

‘L’amica geniale’: il romanzo del ricordo sulle età della vita, di Elena Ferrante

Due bambine si tengono la mano su per la scala buia e polverosa della vita. Il loro mondo è quello di un rione povero di Napoli, pare un paese sperduto, la città è appena dietro la collina ma sembra già un’altra realtà. Nelle strade, fra i palazzi la voce della violenza impesta l’aria, memorie di tempi lontani che affondano le radici ben prima della nascita delle due protagoniste di quest’ultimo libro di Elena Ferrante, L’amica geniale (edizioni e/o, pp. 329). L’infanzia di Lila e Lenù è un’infanzia di brutalità, di pietre in faccia, di sangue, di urla contro i genitori, di voli fuori dalla finestra scaraventate da padri imbufaliti. I bambini riproducono i comportamenti degli adulti, delle proprie famiglie, l’odio si rigenera nei figli eppure una strada alternativa sembra spalancarsi di fronte alle due ragazzine: la scuola, se sei bravo, se brilli la maestra ti apprezzerà e così l’intero rione, e chissà, forse potrai andare via, scrivere un romanzo e diventare ricco e famoso. E Lila era bravissima, aveva imparato a leggere da sola, sapeva fare i conti a mente a una velocità fulminea, pur essendo ribelle e fastidiosa in classe. Noi la guardiamo crescere attraverso gli occhi dell’amica Lenù, voce narrante, che la trova talmente intelligente che i suoi sentimenti d’affetto si mescolano spesso all’invidia e a un senso d’inferiorità e d’impotenza. Lenù è la ragazzina buona e diligente che non ha nulla di quel demone geniale che scorge così potente nella sua amica. Tenta di starle dietro, studia solo per cercare di superarla. Tutto inutile, Lila è troppo. Almeno Lenù si sente bella, è bionda e paffuta, Lila invece no, è così magra che sembra rachitica, con quei capelli neri sempre arruffati.