Breaking News
Home / Altri mondi / Al via la mostra “Da Artemisia a Hackert- Storia di un antiquario collezionista alla Reggia”

Al via la mostra “Da Artemisia a Hackert- Storia di un antiquario collezionista alla Reggia”

È partita ieri la mostra Da Artemisia a Hackert- Storia di un antiquario collezionista alla Reggia. L’esposizione, inaugurata il 16 Settembre, sarà visitabile dal pubblico fino al 16 Gennaio 2020. Ad ospitare il percorso espositivo sarà la Reggia di Caserta e precisamente la Sala degli Alabardieri, la Sala delle Guardie del Corpo e le Retrostanze settecentesche.

In mostra ci saranno quadri di scuola romana e napoletana appartenenti ad uno dei più prestigiosi antiquari italiani Cesare Lampronti.
“Cervello in fuga”, il collezionista Lampronti, esponente di una storica famiglia romana di antiquari, è stato costretto a chiudere la sua galleria romana per trasferirsi a Londra; un’ulteriore e triste testimonianza che in Italia mancano prospettive ed incentivi per agevolare le condizioni lavorative.

“L’ostacolo insormontabile è la burocrazia, i responsabili degli uffici che sbarrano la strada alla circolazione delle opere con vincoli, autorizzazioni, notifiche pareri e tasse” ha spiegato Lampronti.

A questo propositivo è intervenuto il coordinatore della mostra, Vittorio Sgarbi “Lampronti si è esposto al rischio di uno Stato che non capisce che le opere d’arte sono beni universali e limita attraverso vincoli e notifiche il commercio d’arte rendendo l’Italia un ghetto di intollerabile minorità culturale. Oggi tutto avviene a Londra e New York- ha aggiunto- dove le opere italiane circolano e nel 90% dei casi vengono acquistate da italiani e portate in patria”.

La mostra nasce dall’idea di avvicinare il mondo del collezionismo privato e delle Gallerie d’arte a quello dei Musei, intesi come luoghi deputati alla fruizione e alla valorizzazione culturale. Essa si propone di mostrare il legame esistente tra le opere già presenti all’interno della collezione reale, esposta nelle sale della Reggia e i dipinti presenti nella Lampronti Gallery.

La direttrice della Reggia, Tiziana Maffei si è espressa in questi termini: “Ha avuto coraggio a ospitare un ‘mercante nel tempio. Vorrei che questa mostra fosse il primo passo di una strada nuova in cui istituzioni e antiquari non siano più considerati come cani e gatti. L’antiquario che seleziona e valorizza le opere per i collezionisti non è un semplice mercante ma svolge un ruolo culturale importante”.

Questo grande evento culturale e artistico sarà non solo una magnifica vetrina per ammirare capolavori del seicento e del settecento ma, un’occasione per arricchire il patrimonio artistico della Reggia: Lampronti, infatti, donerà due opere della sua collezione, il Martirio di Sant’Agata di Salvator Rosa e il Ritratto del Cardinale Antonelli, di Pompeo Batoni.

Inoltre sarà esposto per la prima volta a Caserta, il Porto di Salerno di Jakob Philipp Hackert, che è il “pezzo” mancante della serie dei Porti realizzata da Hackert per il re Ferdinando IV di Borbone. La mostra, quindi, diventa così occasione per mostrare ai visitatori l’intera serie dei Porti del Regno, recentemente restaurata. Il progetto prevede l’esposizione di ulteriori quadri di vedute di Napoli e della Campania, realizzati da pittori presenti nella collezione della Reggia.

Le opere scelte sono riconducibili a cinque aree tematiche differenti: pitture caravaggesche; pittura del ‘600; vedute; paesaggi e nature morte. Tra gli autori in mostra Artemisia Gentileschi, Bernardo Cavallino, Salvator Rosa, Luca Giordano, Baciccio, Pietro da Cortona, Rubens, Pompeo Batoni, Guercino, Canaletto, Bellotto, Gaspar van Wittel, Jakob Philipp Hackert, Antonio Joli, Nicolas Poussin, Claude Lorrain, Francesco Solimena, Bartolomeo Bimbi e Paolo Porpora.

La mostra offrirà l’occasione anche per dare risalto al ruolo che già da diverso tempo la Reggia di Caserta ricopre, grazie alla collaborazione con le università e gli istituti di cultura campani e con la rete di musei italiani, di centro di diffusione culturale e di luogo dedicato allo studio e alla ricerca. La finalità culturale, nonché quella didattico-scientifica sarà quindi promossa attraverso la realizzazione di giornate-studio, che vedranno coinvolti esperti del mondo accademico, con approfondimenti su tematiche quali: il mercato dell’arte; il legame tra il collezionismo privato e gli enti pubblici; la pittura napoletana del XVII e il XVIII secolo.

 

Fonte: http://www.ansa.it/canale_viaggiart/it/notizie/bellezza/2019/09/16/un-antiquario-alla-reggia-di-caserta_391ce14f-d940-405b-a5f6-060c100ec454.html

About Melania Menditto

Mi chiamo Melania Menditto. Sono laureanda in Lettere presso l'Università Federico II di Napoli. Amo la Letteratura, il Teatro, la Poesia, la Scienza forense,la Musica. Da sempre ammaliata dal Mondo di carta, sogno di farlo esplorare ai tanti, grandi o piccoli che siano. In futuro mi piacerrebbe essere anche una gionalista.

Check Also

San Francesco

San Francesco non è il mito laico e sdolcinato, predicatore della povertà assoluta

San Francesco fu tutt'altro che romantico, sognatore, bucolico: la sua virilità si era semplicemente spostata, da sotto la cintola, salendogli su, nel cuore e nella mente, quando si convertì e si consegnò al suo vescovo. Altro che romantico! Ragionava e meditava, vedeva il cielo ma restava coraggiosamente con i piedi per terra, ma ciò non toglie che il francescanesimo ha sempre tentato di presentare un Francesco al di fuori della normalità e spesso anche fuori della stessa ecclesialità, una sorta di Riformatore interno alla Chiesa, per cambiare la Chiesa.