Breaking News
Home / Eventi / I libri del premio Lattes Grinzane in lettura a tutti al Polo del ‘900 di Torino
premio lattes grinzane

I libri del premio Lattes Grinzane in lettura a tutti al Polo del ‘900 di Torino

I volumi del Premio Lattes Grinzane al Polo del ‘900 di Torino: dal 25 settembre i lettori potranno consultare o prendere in prestito gratuitamente i libri del Premio Lattes Grinzane presso la Sala Lettura di Palazzo San Daniele (Via del Carmine, 14), nella sezione di narrativa ad essi dedicata.

La Fondazione Bottari Lattes ha donato alla Fondazione Polo del ‘900 una selezione della produzione editoriale legata alle opere partecipanti al Premio a partire dalla sua prima edizione del 2011, per renderla disponibile a tutto il pubblico torinese e non solo. La donazione rientra nelle azioni del protocollo di intesa sottoscritto dai due enti per collaborare su iniziative di promozione culturale e sarà integrata ogni anno con i volumi delle nuove edizioni dell’evento.

L’inaugurazione dello scaffale Premio Lattes Grinzane, che sarà accolto nella Sala Lettura del Polo del ‘900, è mercoledì 25 settembre alle ore 18.30. Partecipano: Caterina Bottari Lattes (presidente della Fondazione Bottari Lattes), Sergio Soave (Presidente Fondazione Polo del ‘900), Mario Guglielminetti (direttore marketing della Fondazione Bottari Lattes), Alessandro Bollo (direttore della Fondazione Polo del ‘900), Giovanni Barberi Squarotti (coordinatore del Comitato scientifico della Fondazione Bottari Lattes) e la scrittrice Laura Pariani (attualmente in giuria al Premio Lattes Grinzane, è stata finalista nel 2011 con il romanzo La valle delle donne lupo, Einaudi).

La donazione di 670 opere arricchisce le raccolte del patrimonio delle biblioteche degli istituti partner del Polo, con una significativa offerta di narrativa contemporanea. Tra i romanzi disponibili, si potranno ad esempio sfogliare e prendere in prestito quelli dei vincitori per la sezione La Quercia: António Lobo Antunes (2018; Feltrinelli), Ian McEwan (2017; Einaudi), Amos Oz (2016; Feltrinelli), Javier Marías (2015; Einaudi), Martin Amis (2014; Einaudi), Alberto Arbasino (2013; Adelphi), Patrick Modiano (2012; Einaudi e Guanda), Premio Nobel 2014, Enrique Vila-Matas (2011; Feltrinelli).

E quelli dei vincitori della sezione Il Germoglio: Yu Hua (Feltrinelli) nel 2018; Laurent Mauvignier (Feltrinelli) nel 2017; Joachim Meyerhoff (Marsilio) nel 2016; Morten Brask (Iperborea) nel 2015; Andrew Sean Greer (Rizzoli) nel 2014; Melania Mazzucco (Einaudi) nel 2013; Romana Petri (Longanesi) nel 2012; Colum McCann (Rizzoli) nel 2011. Saranno anche presenti romanzi che non sono stati selezionati ma hanno partecipato al Premio e alcuni volumi del precedente Premio Grinzane Cavour.
Il prossimo appuntamento del Premio Lattes Grinzane sarà ad ottobre. Venerdì 11 ottobre lo scrittore Haruki Murakami, vincitore del Premio

Lattes Grinzane 2019-sezione La Quercia, terrà una lectio magistralis e riceverà il riconoscimento (ore 18, Teatro Sociale di Alba. Appuntamento sold out), in un incontro introdotto e presentato dallo scrittore Marcello Fois.

Sabato 12 ottobre saranno protagonisti i cinque autori finalisti della sezione Il Germoglio: Roberto Alajmo con L’estate del ’78 (Sellerio), Jean Echenoz (Francia) con Inviata speciale (Adelphi, traduzione di Federica e Lorenza Di Lella), Yewande Omotoso (Sud Africa) con La signora della porta accanto (66thand2nd, traduzione di Natalia Stabilini), Alessandro Perissinotto con Il silenzio della collina (Mondadori) e Christoph Ransmayr (Austria) con Cox o Il corso del tempo (Feltrinelli, traduzione di Margherita Carbonaro).

Incontreranno pubblico e studenti (ore 10, Fondazione Bottari Lattes a Monforte d’Alba) e riceveranno il riconoscimento durante la Cerimonia di Premiazione, nel corso della quale sarà proclamato il vincitore, sulla base dei voti degli studenti delle giurie scolastiche (ore 16.30, Castello di Grinzane Cavour. Ingresso libero fino a esaurimento posti). La cerimonia di premiazione sarà condotta da Loredana Lipperini.

La Fondazione Bottari Lattes è nata nel 2009 a Monforte d’Alba (Cn), su volontà di Caterina Bottari Lattes (presidente), e non ha scopo di lucro. Ha come finalità la promozione della cultura e dell’arte e l’ampliamento della conoscenza della figura di Mario Lattes.

Tra le principali attività: mostre di arte e fotografia, il Premio letterario internazionale Lattes Grinzane, il progetto per l’infanzia Vivolibro, convegni, spettacoli e concerti di musica da camera. Nel 2013 ha aperto l’attività espositiva del nuovo Spazio Don Chisciotte a Torino, voluto da Caterina Bottari Lattes. Nel 2015 ha inaugurato la Biblioteca-Pinacoteca “Mario Lattes” a Monforte d’Alba.

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Napoli

La Lampadedromia racconta la Napoli pitagorica: le vere origini di Neapolis

C'era un preciso disegno geometrico di matrice pitagorica 2500 anni orsono all'origine della nascita di Napoli? La domanda ha affascinato per lunghi secoli storici, filosofi, matematici e archeologici. Ed ormai c'è un importante studio accademico che riesce a suffragare con rigore scientifico quella che finora era stata solo un'affascinante ipotesi. Il merito è dell'architetto napoletano Teresa Tauro, natali pugliesi di Castellana Grotte e studi universitari federiciani, che ha raccolto, documentato e argomentato lunghi anni di studi nel volume "Alle origini dell'urbanistica di Napoli" (Pandemos Editore), scritto a quattro mani con il contributo scientifico di Fausto Longo, docente di Archeologia e Storia dell'arte greca e romana all'Università degli Studi di Salerno.