Breaking News
Home / Altri mondi / ‘Millennium-Quello che non uccide’, l’anteprima mondiale oggi al Festival di Roma
millennium

‘Millennium-Quello che non uccide’, l’anteprima mondiale oggi al Festival di Roma

Millennium – Quello che non uccide, il nuovo attesissimo film della saga ‘Millennium’, sarà in anteprima mondiale oggi, 24 ottobre, alla Festa del Cinema di Roma e dal 31 ottobre al cinema. Mercoledì 24 ottobre alle 19.30 alla Festa del Cinema di Roma sarà presentato in anteprima mondiale Millennium – Quello che non uccide, il primo adattamento cinematografico del quarto romanzo della saga ‘Millennium’, scritto da David Lagercrantz (edito in Italia da Marsilio Editori), che ha raccolto il testimone di Stieg Larsson – autore dei primi tre libri. Alla première del film, che sarà dal 31 ottobre al cinema grazie a Warner Bros. Pictures, saranno presenti anche il regista Fede Álvarez, l’attrice protagonista Claire Foy, Sverrir Gudnason, Sylvia Hoeks insieme a Synnøve Macody Lund e Andreja Pejić per un saluto al pubblico.

È noto che Larsson, l’autore svedese della saga, aveva in origine pianificato una serie di dieci libri, ma la morte, avvenuta a soli 50 anni, l’ha strappato alla scrittura prima che potesse ultimare il quarto capitolo. La trilogia – formata da Uomini che odiano le donne, La ragazza che giocava con il fuoco e La regina dei castelli di carta – ha venduto circa 80 milioni di copie e ha reso Larsson il primo scrittore ad aver superato la soglia del milione di copie vendute per e-book su amazon.com.

Interpretate da Michael Nyqvist nei panni del giornalista investigativo Mikael Blomkvist e da Noomi Rapace nelle vesti della hacker informatica Lisbeth Salander, le precedenti trasposizioni cinematografiche svedesi sono state dirette Arden Oplev e Daniel Alfredson (per gli ultimi due film). Nel 2010, il canale televisivo svedese SVT li ha trasmessi in sei episodi sotto forma di serie TV, con il titolo di Millennium. Il regista statunitense David Fincher ha invece realizzato le versioni americane, tra il 2011 e il 2013), con protagonisti Daniel Craig e Rooney Mara.

Lisbeth Salander, figura di culto e personaggio principale dell’acclamata serie di libri ‘Millennium’ creata da Stieg Larsson, tornerà sul grande schermo in Millennium – Quello che non uccide, il primo adattamento del recente bestseller mondiale scritto da David Lagercrantz. La vincitrice del Golden Globe, Claire Foy protagonista della serie ‘The Crown’, interpreta l’iconica hacker sotto la direzione di Fede Alvarez, regista del thriller del 2016, Man in the dark; la sceneggiatura di questo nuovo capitolo è di Steven Knight, Fede Álvarez e Jay Basu.

 

Trailer del film

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

lanthimos

‘La favorita’ di Lanthimos: un distillato di piacevole perfidia ancestrale candidato agli Oscar

I sentimenti umani più inestirpabili e ancestrali, la lotta per la sopravvivenza, il sesso e il potere, la cinica consapevolezza di un gioco al massacro che non è maschile o femminile bensì l’essenza ultima delle vite, delle società, del mondo. “La favorita” distilla un concentrato degli elementi basici di quella particolare forma d’arte che nonostante i collassi epocali continuiamo a definire “cinema”: una sceneggiatura dalla scintillante affilatura (tratta da una pièce di Deborah Davis scritta per la Bbc Radio e rielaborata da Tony McNamara), un’ambientazione in costume magistrale (grazie soprattutto alla sintonia tra il direttore della fotografia Robbie Ryan e la costumista Sandy Powell), tre protagoniste in stato di grazia e la regia del quarantacinquenne greco Lanthimos (“The Lobster”, “Il sacrificio del cervo sacro”) che riesce nell’impresa di mantenersi fedele alla vocazione per un cinema disturbante, feroce e provocatorio realizzando, invece, un film universale e accessibile, molto divertente ma di una piacevolezza striata di perfidia, autoriale eppure carico di candidature all’istituzionale pantomima degli Oscar.