Breaking News
Home / Autori di successo / Clemens Setz: ‘La letteratura è telepatia”
clemens setz

Clemens Setz: ‘La letteratura è telepatia”

Clemens Setz è uno scrittore austriaco nato a Graz nel 1982 e si conferma come tra i più interessanti autori nel panorama letterario europeo.

Clemens costruisce narrazioni avvincenti incastonando in esse dei mini-saggi rivitalizzando il romanzo-saggio, genere che raggiunse la piena maturità in Austria e Germania nel periodo tra le due guerre  nonché cruciale per una rinnovata comprensione non solo della storia letteraria europea ma anche della varietà dello spettro morfologico e simbolico del modernismo.

Dopo aver studiato matematica e germanistica, Setz inizia a scrivere racconti su varie riviste ed esordisce nel 2007 con Figli e pianeti, tradotto anche in Italia insieme al suo romanzo più riuscito L’ora tra la donna e la chitarra del 2015 (La Nave di Teseo, 2019), fino a vincere il prestigioso Berliner Literaturpreis nel 2019.

I romanzi di Setz interrogano l’essenza dell’essere umano che cammina in luoghi oscuri e invita il lettore ad entrare nell’animo e nella mente dei suoi protagonista, perché almeno una volta potremmo aver provato, pensato, immaginato quello che fanno loro. L’autore austriaco sembra suggerci questa massima: “prima riconoscere, riconoscersi, poi divenire, difendendo lo straniero che è in noi”.

Setz tesse storie con grande equilibrio, facendo emergere la poesia anche dai luoghi più inaspettati, appassionandosi a bizzarri e tenebrosi frammenti di vita, per cercare ogni volta una riconciliazione diversa con il mondo, traendo ispirazione dalla figura dell’anti-eroe, scelta che corrisponde alla risposta alla tensione verticale che impone di  modificare le coordinate della propria esistenza, a lavorare su di sé, a praticare una condotta di vita orientata in base ad una scelta etica.

L’uomo come soggetto eterodeterminato deve dunque imparare ad esercitare l’arte di appartenere a se stesso, nel senso di riscoprire la propria potenza, la propria luce e la propria oscurità che lo colloca al vertice della creazione. D’altronde come sosteneva Mircea Eliade, “se gli uomini agissero in modo conforme alla loro natura, qualitativamente differente da tutte le altre e gerarchicamente superiore, non avrebbero da scegliere che tra due cammini: la gloria o l’ascesi. Il resto è biologia”.

L’aspetto più interessante dei romanzi di Setz, è il linguaggio: lo scrittore inventa parole e che usa come narratore e fa usare ai suoi personaggi. Usa il termine inglese sebbene lo traduca letteralmente in tedesco come Leuchtende Details, concetto ideato da Ezra Pound.

Setz con le sue storie non convenzionali e il suo giocare con le parole, ci dice che qualsiasi fatto può essere “sintomatico”, ma alcuni fatti danno una visione superficiale  delle condizioni circostanti e della rapporto causa-effetto. Tali accadimenti si riferiscono ad allusioni a strani domini di conoscenza, spesso collegati tra loro in modi idiosincratici.

I personaggi creati da Setz, al quale non interessa complicare la trama, non sembrano essere pienamente consapevoli di cosa siano i “dettagli luminosi”, non badano a certe sottigliezze, ma giocano sicuramente con l’idea quando sembrano esserci strane connessioni tra cose ed eventi.

Con la sua ironia, Clemens Setz prova a mordere la realtà, invitando il lettore a verificare come anche lui stesso possa provare le stesse emozioni, dei personaggi dei libri di un autore che ricorda molto il suo conterraneo Ernst Jandl.

1 Ti senti tra i massimi esponenti del romanzo-saggio o romanzo di idee?

In realtà non ho mai pensato a me stesso di aver scritto romanzi di idee, ma penso di tendere a includere molte digressioni e mini-saggi nelle mie storie. Questo è più o meno il modo in cui parlo nella vita reale. Sto divagando, o sbaglio il punto, e vado avanti così all’infinito, e sembra uno che ha molte idee.

2 Qual è il compito principale della letteratura?

Telepatia, ovviamente.

3 Vedi qualcosa di innovativo nel campo della letteratura? Nel modo in cui ordina le idee?

La “cosa” letteraria più innovativa in lingua tedesca è stata il lavoro di un paio di account Twitter molto strani e idiosincratici. Ho scritto su molti di loro. Hanno avuto una profonda influenza sul modo in cui i giovani parlano, scherzano e si esprimono in modo rima, divertente o poetico.

4 Da chi ti senti ispirato?

L’ispirazione mi arriva spesso in modo molto casuale, quasi senza senso. Da un ragazzo su TikTok, da un incontro casuale, da una persona vissuta 300 anni fa.

5 “L’ora tra la donna e la chitarra” è stato un best seller. Si potrebbe definire un libro sulla follia dei poeti, di coloro che hanno una profonda vivacità interiore?

Sembra esatto. È un libro sul “fare le cose con le parole”, ad es. avere potere su qualcuno solo perché racconti una storia in un certo modo, o anche convincere qualcuno a suicidarsi, solo attraverso la parola o altri tipi di comunicazione. Ma alla fine è un libro pieno di speranza e ottimista, credo.

6 I personaggi dei suoi libri sono grotteschi, irrequieti, si sentono inadeguati. È questo campione umano che la letteratura deve affrontare?

Non conosco nessuno che sia totalmente non grottesco. Forse queste persone esistono, ma sospetto che sarebbero piuttosto rare.

7 A cosa servono i Premi letterari?

L’aiuto finanziario è una funzione, ma penso che il prestigio che un tempo accompagnava certi premi sia praticamente svanito del tutto.

8 Cosa pensi di te stesso? Riesci sempre a trasformare i tuoi pensieri, le tue visioni, nelle parole giuste?

Affatto. La maggior parte delle cose che mi passano per la testa non possono essere adeguatamente espresse a parole. E se funziona, è il risultato di molte ore di tentativi ed errori. Non sono bravo a scrivere, ma sono abbastanza bravo a riscrivere. In realtà è la cosa che mi piace di più.

9 Quanto viene promossa la cultura in Austria e Germania?

Beh, è ​​praticamente svanito completamente per un anno durante la pandemia. L’intera cultura era ridotta a una cosa: Netflix. Ora gli altri rami della cultura sembrano riemergere un po’. Quindi dovremo vedere. Sono in qualche modo ottimista sul fatto che le persone vorranno ancora leggere libri nel prossimo futuro.

10 Ti senti schiacciato dalle domande e poi salvato dalla vita stessa, nella sua semplicità?

La semplicità può sicuramente salvarci. Questo perché siamo animali complicati con pensieri complicati. Ma che dire di una creatura come il pesce d’oro? È pura semplicità, e a quanto pare non pensa molto. Cosa salverà il pesce d’oro?

11 Cosa diresti, se fosse ancora in vita, a Nabokov che disprezzava gli scrittori di idee, delineando così un’idea di letteratura che estremizza il carattere autonomo del testo letterario per farne una sorta di gioiello prezioso per un selezionare pochi?

Beh, per qualcuno che odiava le idee, Nabokov ne aveva sicuramente molte! Forse intendeva programmi politici o filosofie specifici che non dovrebbero essere l’unico motivo per scrivere una storia. Tendo ad essere d’accordo con lui su questo.

12 Non pensi, riguardo alla domanda precedente, che il cattivo lettore sia in parte un prodotto dello scrittore che ha un focus elitario sulla letteratura, che potrebbe/dovrebbe essere spuria?

Sono d’accordo. È abbastanza facile scrivere un libro difficile che nessuno può leggere. Purtroppo l’ho fatto io stesso in passato.

13 Chi sono i tuoi lettori più affezionati?

Non credo di averli. Almeno nessuno che conosco personalmente e con cui ho contatti regolari. La mia famiglia e i miei amici non leggono i miei libri, il che mi sta bene.

14 La tua scrittura può essere definita una sperimentazione sulla materia linguistica?

Di recente è diventato sempre di più, ad esempio, ho appena pubblicato un saggio lungo un libro che è una sorta di storia di tutta la poesia che è stata scritta in lingue inventate (come l’esperanto, il volapük, i simboli Bliss, ecc.). Ho tradotto la maggior parte della poesia oscura da quelle lingue oscure. Mi è sembrato davvero un esperimento fantastico, rischioso e vibrante.

15 Una piccola anticipazione sul tuo prossimo libro?

Sto scrivendo un romanzo storico in questo momento, ambientato negli anni ’20 in Germania. Si tratta di un paio di figure reali che credevano che vivessimo all’interno di una sfera cava, piuttosto che all’esterno di un pianeta. È una storia divertente, ma non è ancora molto viva come romanzo. I personaggi si comportano tutti come se sapessero che li sto guardando, il che non va mai bene. Sentono ancora la trazione della corda del manichino del ventriloquo, per così dire. Ma spero di poterlo portare in vita.

 

Fonte Literature as a conversation with readers. Interview with the Austrian writer Clemens Setz – ZEITBLATT Magazin

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Barbara di Bartolo

Intervista all’attrice Barbara di Bartolo: ‘In un mondo ‘ideale, l’attore dovrebbe lasciare che sia il regista a lanciare la sfida’

L'attrice romana Barbara di Bartolo simboleggia quel pezzo di teatro, di cinema e di televisione italiana verso il quale è impossibile provare un pizzico di nostalgia e anche una sana invidia