Breaking News
Home / Eventi / Al via Napoli Città Libro 2021: la Campania riparte con il primo appuntamento dal vivo dopo il lockdown
2021
Napoli Città Libro 2021- Palazzo Reale

Al via Napoli Città Libro 2021: la Campania riparte con il primo appuntamento dal vivo dopo il lockdown

Napoli Città Libro 2021 riparte oggi. Il salone del libro e dell’editoria, giunto alla sua 3a edizione ritorna in città dopo il rinvio dell’edizione 2020, dovuto al covid 19. Sarà Palazzo Reale, insieme a piazza del Plebiscito la cornice che ospiterà la kermesse da oggi fino al 4 luglio. Napoli città libro 2021 è la prima fiera italiana del libro che si svolgerà in presenza dopo il lockdown.

L’iniziativa, anche quest’anno promossa dall’Associazione Liber@rte, in collaborazione con il Centro per il libro e la lettura e con la Direzione regionale dei musei della Campania, del Ministero per la Cultura, si inserisce, insieme a Campania che legge, nell’ambito di un progetto tutto nuovo, La Fiera del libro, ideato dalla Regione Campania e prodotto da Scabec con l’intento di promuovere e rilanciare la lettura in Campania e in tutto il sud Italia.

La Fiera del libro si propone come un appuntamento che coinvolgerà tutto il territorio, partendo proprio da Napoli Città Libro. Il tema scelto per l’edizione 2021 è Passaggi. Un tema molto attuale visto il difficile periodo che stiamo ancora attraversando e che tutti sperano possa volgere al termine quanto prima.

La manifestazione si aprirà con una dedica allo scrittore cileno Luis Sepulveda, scomparso a proprio a causa del covid, che sarebbe dovuto essere il testimonial di questa edizione. Dopo la cerimonia augurale la fiera del libro entrerà nel vivo nel pomeriggio con i primi appuntamenti.

 Napoli Città Libro 2021: le sale e gli espositori

Napoli Citta Libro 2021 porterà in città scrittori, autori, narratori, giornalisti, volti noti dello spettacolo e  amanti della lettura di tutto il mondo. 92 stand, 120 eventi, incontri con il mondo della cultura, della scienza, della musica  per celebrare la grande festa campana della fiera Napoli città Libro.

Tutti gli incontri si terranno nelle sale del Palazzo Reale, chiamate ad hoc come le splendide isole campane, oggi covidfree, Ischia, Capri e Procida. A questi si uniscono anche gli spazi della Sala teatro di corte, la Sala premio Napoli presso la sede della fondazione e la terrazza del Teatro di San Carlo.

Il cortile reale ospiterà il Leggilibri, una rubrica letteraria della TGR Rai Campania a cura del giornalista e scrittore Claudio Ciccarone. Nell’Agorà si alterneranno circa trecento tra scrittori, editori e librai, ospiti della rubrica da due anni, da venerdì 2 a domenica 4.

Gli espositori sono invece allestiti sotto i porticati della piazza simbolo della città, Piazza del Plebiscito. Palazzo reale e Piazza del plebiscito, mete di circolazione e scambio culturale, unite in un caloroso abbraccio con il pubblico. un percorso itinerante tra gli stand e un viaggio tra eventi ed incontri che proporranno ai visitatori riflessioni sui temi più attuali della nostra contemporaneità.

Napoli città libro e non solo

Ma la Fiera campana del libro non è solo Napoli città libro: sempre in quei giorni si terranno appuntamenti e presentazioni, con incontri con scrittori noti al grande pubblico e personalità del mondo dell’editoria anche a Salerno, Caserta, Avellino e Benevento attraverso un truck brandizzato che si muoverà nelle piazze e in luoghi allestiti per l’occasione.

Entrambe le manifestazioni si svolgeranno parallelamente al succitato Campania che legge, il format digitale dedicato alle librerie e agli editori campani, già in onda dal mese di marzo realizzato anche con la collaborazione del festival Salerno Letteratura, della Fondazione Alfonso Gatto, del Premio Napoli e dell’Emeroteca Tucci, in circa dieci appuntamenti trasmessi sui canali social ogni giovedì – organizzati dalla Scabec.

Napoli città libro: gli ospiti e il salone off

Tra i tanti ospiti del mondo della cultura e dello spettacolo, spiccano Maurizio De Giovanni, Marisa Laurito, Peppe Iodice, i The Jackal, Peppe Barra, Patrizio Rispo, Tony Tammaro e Raiz.

Spazio anche a temi di stretta attualità con lo scrittore siriano e dissidente politico Yassin al-Haj Saleh e il microbiologo Andrea Crisanti. Inoltre, ci sarà un’ampia finestra dedicata alla politica, vista la presenza di Massimo D’Alema e di tre candidati a sindaco di Napoli, ovvero Gaetano Manfredi, Antonio Bassolino e Catello Maresca.

Ad impreziosire il già ricco programma della manifestazione ci saranno iniziative dell’Evento OFF, presso L’Emeroteca Tucci, in Piazza Matteotti, dove si potrà assistere alla mostra di carteggi inediti di Mario Missiroli, uno dei grandi della storia del giornalismo in Italia e un convegno dedicato alla figura di Floriano Del Secolo.

Mentre il Palazzo Reale, eretto a fortezza della cultura, incastonato con piazza del plebiscito si profila ad essere il porto sicuro da cui ripartire. Napoli città libro, insieme alle altre iniziative, inserite nel progetto della Fiera, invece, rappresentano il veliero della speranza, che con il vento in poppa, inizia a puntare verso un roseo orizzonte. Che il viaggio abbia inizio…

 

Per consultare il programma completo e acquistare i biglietti: https://www.napolicittalibro.it/

 

 

About Melania Menditto

Mi chiamo Melania Menditto. Sono laureanda in Lettere presso l'Università Federico II di Napoli. Amo la Letteratura, il Teatro, la Poesia, la Scienza forense,la Musica. Da sempre ammaliata dal Mondo di carta, sogno di farlo esplorare ai tanti, grandi o piccoli che siano.

Check Also

arte sacra

Mostra museale d’arte sacra a Castiglione Olona dal 12 dicembre al 9 gennaio

Dodici opere d'arte antiche che ripercorrono i fasti e la maestria dei grandiosi Maestri italiani dal 1400 al 1750 sulla tematica della natività, della famiglia e la nascita di Cristo. Opere cariche di patos, atmosfera e colori sfumati o cangianti che donano magia all'osservatore che si perde con il suo sguardo e la propria anima nel vortice delle emozioni legati al tema del sacro che lo porterà a completare tale percorso artistico grazie al gemellaggio con i 600 anni della Basilica della Collegiata sita a poche centinaia di metri sulla cresta della collina che l'accoglie ove il Geniale Masolino Da Panicale affrescò la vita di San Giovan Battista e come in un virtuale passaggio dello scettro dell'arte attraverso i secoli il pubblico potrà ammirare l'unica opere contemporanea del Maestro italiano Milo dal titolo “Omaggio alla Vergine delle Rocce” unico dipinto scelto a livello nazionale per rappresentare tale prezioso evento.