Breaking News
Home / dialoghi impossibili / Pennac e Maupassant discutono della crisi idrica a Roma con Virginia Raggi
pennac e raggi virginia

Pennac e Maupassant discutono della crisi idrica a Roma con Virginia Raggi

Bar del campidoglio. Pennac: Vede dottor Maupassant…, ma intanto ordini, cosa prende?
Maupassant: Un bicchiere d’acqua grazie
Il cameriere ne porta uno più un altro riempito quasi a metà.

Maupassant: Ne avevo chiesto uno solo!

Infatti, l’altro lo devo sprecare, guardi lo rovescio subito
Maupassant: Ma che fa?!

Vede dottor, è proprio questo il problema, a Roma sprechiamo una marea di acqua, mi serve un capro espiatorio
Maupassant: Non fareste prima a conservarla meglio
Sì da trent’anni è così, ma se le cose funzionassero non ci avrebbero potuto mangiare
Pennac: Bere oserei dire, e lei sindaca non beve?

Virginia Raggi: Io grazie, non per ora no, ma hanno bevuto tutti quelli intorno a me per ora, Marra, Romeo, altri non riuscivano a farli smettere di bere, quindi se ne sono andati

Maupassant: Ma non capisco cosa posso fare io per lei…
Ho letto un suo libro, Il paradiso degli orchi, con il protagonista Benjamin Malaussene che fa il capro espiatorio, addetto agli uffici reclami dell’azienda, ecco io vorrei apparire come capro espiatorio, dato che io qui da solo un anno
Pennac: Quindi cosa dovrei fare?

Raggi: Scrivere un romanzo, in cui fa capire che si parla di me, di noi, i 5 stelle, che siamo utili per far sembrare solo noi colpevoli della situazione
Pennac: Magari lo siete anche voi, poco, proporzionati ad un anno di governo cittadino
Forse, ma di questo non so nulla
Pennac: Del governo cittadino
Certo, allora può scriverlo
Pennac: Ma lei ha letto davvero il libro, perché nel libro il protagonista cerca di affrancarsi da quella condizione
Raggi: Certo ma non le vede le affinità, io sono come Benjamin un capro espiatorio, come lui anch’io ho delle “bombe” come ATAC e ACEA e AMA tra le mani..
E per affrancarsi cosa fa?

Raggi: Dopo solo un anno cosa posso fare…
Da quanto sapeva che il rischio assenza d’acqua c’era per Roma
Non centra nulla lo sapevano anche gli altri”

About Andrea Forte

Sono Andrea Forte, 28 anni, di cui alcuni passati a laurearmi in filosofia e a scrivere; e forse scrivere è il mio vero modo di fare ricerca filosofica. Ho già pubblicato alcuni romanzi brevi, tra cui Il ballo dell’immobilità, Un uomo lontano, Sopravvivere, e alcuni racconti sono pubblicati in antologie di concorsi, a cui ho partecipato.

Check Also

Salamanca

‘Un anno a Salamanca’, il diario di viaggio di Alessandra Agnoletti

L’interminabile tragitto in autobus, dalle 14.00 alle 16.30, con il Madrid-Salamanca Express, sotto il sole cocente di Spagna mi ha dato la possibilità di riflettere sugli ultimi frenetici giorni di preparativi, saluti, impegni. Giorni riempiti di tutto purché niente e nessuno mi facesse desistere dalla mia partenza. Neppure un istante ero rimasta sola con me stessa a pensare. Troppo rischioso: avrei valutato razionalmente la cosa, avrei ceduto ai sensi di colpa, alla richiesta di mia madre, di mia nonna di restare accanto a loro. Ogni sera ero più stanca della precedente cosicché mi addormentavo senza prendere coscienza della mia incoscienza.