Breaking News
Home / Segnalazioni libri / Back home: il thriller distopico del regista e scrittore Leonardo Araneo

Back home: il thriller distopico del regista e scrittore Leonardo Araneo

BACK HOME, edito da Bertoni Editore, è il titolo del romanzo d’esordio di Leonardo Araneo. Araneo, già noto nell’ambito televisivo e cinematografico per aver curato la regia di documentari e lungometraggi, approda anche sul panorama editoriale italiano.

Leonardo Araneo nasce a Vinci, il paese del celeberrimo Leonardo, il 10 maggio 1980 e dopo aver conseguito la maturità classica si laurea con Lode all’università di Bologna con una tesi sulla storia del cinema Italiano che riceve la Dignità di Stampa.

In seguito inizia a lavorare come assistente alla regia prima e aiuto regista poi per alcune tra le principali serie televisive italiane e svariati lungometraggi cinematografici.

Nel frattempo, nel 2011 realizza il suo primo lungometraggio, Back From Hell, distribuito in Usa e Uk da Inception Media e Metrodome.

Nel 2015 passa al documentario scrivendone e dirigendone quattro.

L’Uomo che inventò la Vespa, sulla vita e il lavoro di Corradino d’Ascanio, è stato trasmesso sulle reti Rai e venduto in sedici Paesi in giro per il mondo. The acerbo Cup, coprodotto dall’Istituto Luce, è stato venduto in oltre quaranta Paesi e inserito nel catalogo Netflix worldwide a partire da ottobre 2022.

BACK HOME: Sinossi

BACK HOME
BACK HOME- Copertina del Libro

BACK HOME,  uscito ufficialmente il 30 novembre 2022, è stato presente insieme all’autore alla Fiera Più libri più liberi,  alla Nuvola dell’Eur di  Roma dal 7 all’11 dicembre 2022.

Ellen Jones odiava la propria vita.
Non sempre, ovviamente, forse nemmeno tanto spesso.
Ma certe volte sì, senza alcun dubbio, soprattutto in momenti come quello, mentre si ritrovava incastrata con la sua
nuova Range Rover Evoque nel ventre metallico e gorgogliante del serpente di macchine che avanzava lento sul lungo fiume e una miscela deflagrante di frustrazione e senso
di colpa le montava acida dentro lo stomaco mordendole la
schiena, l’esofago e la gola e lei non riusciva a fare a meno di
sentirsi stupida, ottusa e patetica per la propria incapacità di
sottrarsi a quel misto di aspettative altrui e orgoglio proprio
che aveva trasformato la sua esistenza in una estenuante
corsa a ostacoli verso il successo e la ricchezza.
Certo, amava essere uno degli avvocati di maggior successo della città, adorava il tenore di vita che aveva conseguito negli anni e, soprattutto, le piaceva vedere riflessa negli
occhi degli altri la donna elegante, rispettata e invidiata che
era diventata.

 

Un thriller distopico in cui, in un futuro non troppo lontano, “il Messaggio”, una breve sequenza sonora trasmessa contemporaneamente da tutti gli apparecchi di comunicazione del mondo, ha cancellato la civiltà umana, facendo regredire tutti quelli che l’hanno ricevuto allo stadio di belve assetate di sangue.

Adam, uno dei pochi scampati, si muove in un mondo in rovina alla ricerca di sua figlia, rapita da un gruppo di predoni e venduta come schiava. In questo scenario post apocalittico l’uomo sarà costretto a ingannare, torturare e uccidere per raggiungere la propria meta, ma in questa lunga discesa nel proprio inferno personale finirà per smarrire se stesso. E compirà così la scelta più drammatica.

“Questo romanzo nasce nelle notti insonni passate ad osservare mia figlia neonata che dormiva, nel terrore che da un momento all’altro potesse smettere di respirare – ha dichiarato l’autore. In quelle ore interminabili ho cominciato a pensare a cosa sarei disposto a fare per proteggerla, fin dove potrei spingermi ma anche quale sia il giusto limite. Perché una delle cose più difficili del mestiere di genitore credo sia proprio questa: imparare ad essere protettivi senza essere possessivi, proteggere i propri figli senza rinchiuderli sotto una campana di vetro. BACK HOME parla di questo, di amore paterno e maschilismo tossico, di senso del dovere e possessività all’interno di uno scenario distopico che è una critica fortissima alla nostra vorace, insaziabile società consumistica e al potere dei mezzi di comunicazione, capaci di plasmare e condizionare in maniera dirompente le nostre esistenze”.

 

https://www.bertonieditore.com/shop/it/home/1048-back-home.html?search_query=back+home&results=1

About Melania Menditto

Mi chiamo Melania Menditto. Sono laureanda in Lettere presso l'Università Federico II di Napoli. Amo la Letteratura, il Teatro, la Poesia, la Scienza forense,la Musica. Da sempre ammaliata dal Mondo di carta, sogno di farlo esplorare ai tanti, grandi o piccoli che siano.

Check Also

L'uomo che parlava alle vigne

‘’L’uomo he parlava alle vigne’’ di Pierpaolo Palladino: il realismo magico e l’ancestrale legame degli uomini con la natura

L’uomo che parlava alle vigne è un libro di Pierpaolo Palladino edito dalla casa editrice La Mongolfiera, in cui storia, natura ed elementi magici si intersecano per raccontare le vicende della famiglia Lulic, al confine con la Slovenia.  Sono tre le generazioni protagoniste del romanzo: Jozef, il figlio Gaspere e il nipote Pavel. Ma il vero elemento di narrazione di tutto il libro resta il vino, filo conduttore e guida all’interno del testo. Il racconto inizia durante la Prima Guerra Mondiale e termina negli anni ’80; l’autore ripercorre diversi momenti storici salienti di questi anni, senza tralasciare le avversità del periodo, sottolineando aspetti ancora tristemente attuali come la discriminazione, l’oppressione delle minoranze, la violenza dei conflitti, il liberismo imperante. La storia è così scandagliata e descritta dai soggetti che la subiscono e, annaspando nel mare di tumulti storici e di vita vissuta, cercano di sopravvivere non tradendo sé stessi.