Breaking News
Home / Segnalazioni libri / ‘Uccidiamo lo zio’ della canadese Rohan O’Grady approda in Italia

‘Uccidiamo lo zio’ della canadese Rohan O’Grady approda in Italia

Uccidiamo lo zio, dell’autrice canadese Rohan O’Grady, edito dalla WoM Edizioni è il romanzo per ragazzi che uscirà nelle librerie italiane il 17 Giugno.

Rohan O’Grady, pseudonimo di June Margaret O’Grady Skinner, nacque a Vancouver (Canada) nel 1922. Dopo essersi diplomata alla Lord Byng High School nel ‘40, conobbe quello che sarebbe divenuto suo marito e padre dei suoi tre figli, il giornalista Frederick Snowden Skinner.

Cominciò a scrivere solamente all’età di quarant’anni e tra il 1961 e il 1970 decise di far pubblicare i romanzi che aveva fino ad allora tenuto in un cassetto. I romanzi O’Houlihan’s Jest (1961), Pippin’s Journal, Or, Rosemary Is for Remembrance (1962) e Uccidiamo lo zio (1963) apparvero con lo pseudonimo di probabili origini irlandesi “Rohan”.

Il successo arriverà col suo terzo romanzo, tanto che Uccidiamo lo zio verrà trasposto poco dopo al cinema – nel 1966 e col titolo originale Let’s kill uncle(Gioco mortale in italiano) dal noto regista del terrore William Castle e produttore di Rosemary’s Baby di Roman Polański.

Uccidiamo lo zio: sinossi

Uccidiamo lo zio

Uccidiamo lo zio, pubblicato inizialmente nel 1963,  è rimasto celato per decenni a causa dell’ostracismo d’una critica moralizzatrice per sua essenza priva di ironia – che accusava il libro di essere amorale, se non addirittura immorale. Riscoperto nell’ultimo decennio, quale precursore di universi romanzeschi dalle tinte gotiche come quelli di Lemony Snicket (Una serie di sfortunati eventi) e di Douglas Lindsay (La bottega degli errori), è stato ripubblicato prima negli Stati Uniti e in Inghilterra, poi successo di libreria anche in Spagna e Francia, ed ora per la prima volta in Italia!

Trama e contenuti

È estate e trascorrete le vacanze su un’isola paradisiaca, siete orfano ed erede di un’ingente fortuna. Uno zio diabolico, vostro tutore, vuole uccidervi per mettere le mani sopra il bottino. Ma voi siete furbo e, grazie all’aiuto di un’amica smaliziata e di un puma in pensione, troverete la soluzione per sfuggire alle sue grinfie mortali: ucciderlo prima che sia lui ad uccidere voi…

Due bambini per protagonisti, Barnaby Gaunt e Christie MacNab, che ribalteranno tutte le presunte certezze e i pregiudizi sulla psicologia infantile, così come le verità, i catechismi e le tetragone convinzioni del mondo adulto, rappresentato qui da una corale, colorita e pittoresca piccola comunità di isolani, che non tarderà a ricordare quella dai tratti comici, tetri e ambigui della Twin Peaks di David Lynch.

Stile

Un’avvincente e macabra storia d’avventura, di astuzia, di sopravvivenza e di morte con protagonisti due turbolenti bambini di dieci anni. Un racconto dalle tinte gotiche, comiche, a volte un po’ buffe e strane, che ricorda i protagonisti dei film di Wes Anderson e i bambini illustrati da Edward Gorey.  Lo stile ironico – a tratti esilarante – ed al contempo elegante, è la forza quest’autrice, purtroppo poco conosciuta.

Keith Maillard, genero della scrittrice, diceva di lei: «Lei stessa non si è mai vista come uno dei pionieri del romanzo canadese o come una letterata, ma è stata sicuramente entrambe le cose. Ha cominciato ad essere pubblicata quando i romanzi canadesi erano ai loro inizi e i suoi editori, d’altro canto, non erano di Toronto, ma di Londra e New York. Dal 1961 al 1981, ha scritto sola, vivendo la sua vita calma di sposa e di madre a Vancouver»

Un romanzo dalla morale disturbante che rimetterà in discussione ogni pretesa moralizzatrice sulla funzione della letteratura, insegnandoci che l’orrore può diventare fonte di scherzo, riso e gioco, che la morte è un soggetto divertente (a patto di saperlo maneggiare con la dovuta leggera maestria), e che lungi dall’essere un atteggiamento malsano l’humour nero è il rimedio assoluto ad ogni barbosa serietà
e, come in un albo di Edward Gorey, fonte inesauribile di solleticanti sorprese.

 

https://www.womedizioni.it/catalogo/rohan-ogrady-uccidiamo-lo-zio/

About Melania Menditto

Mi chiamo Melania Menditto. Sono laureanda in Lettere presso l'Università Federico II di Napoli. Amo la Letteratura, il Teatro, la Poesia, la Scienza forense,la Musica. Da sempre ammaliata dal Mondo di carta, sogno di farlo esplorare ai tanti, grandi o piccoli che siano.

Check Also

‘Giada Rossa-Una vita per la libertà’: il romanzo-denuncia di Fiori Picco

Giada Rossa - Una vita per la libertà, edito da Fiori d’Asia Editrice, è l’ultimo romanzo della scrittrice Fiori Picco. Picco è nata a Brescia il 07 marzo 1977, è sinologa, scrittrice, traduttrice letteraria ed editrice. Dopo la laurea in Lingua e Letteratura Cinese conseguita presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, si è stabilita nella città cinese di Kunming, nella provincia dello Yunnan, dove ha vissuto otto anni insegnando presso il Dipartimento del Turismo della Yunnan Normal University e svolgendo ricerche di antropologia.