Breaking News
Home / Pensieri&frammenti / Elisa Marzorati affronta l’isolamento da Coronavirus portando Debussy nelle case degli italiani

Elisa Marzorati affronta l’isolamento da Coronavirus portando Debussy nelle case degli italiani

In questi giorni di distanziamento sociale, molti artisti  si sono uniti per accorciare le distanze e combattere l’isolamento. Anche la pianista veneziana, figlia d’arte, Elisa Marzorati si aggiunge al coro proponendo un’iniziativa musico-culturale. Di seguito il racconto della stessa Elisa, su come è nato il suo ammirevole progetto.

Il covid19 si è portato via il mio amato zio milanese Sergio Marzorati, stimato pianista concertista e Direttore alla Civica Scuola di Musica di Milano tra il 1962 e il 1992.  A causa dell’emergenza coronavirus siamo tutti impossibilitati a spostarci, per questo non sono potuta andare a Milano per stargli vicino. Allora ho pensato ad omaggio a distanza: ho trovato diverse sue registrazioni che ho caricato su youtube con alcune sue foto. Il risultato è stato un video: ‘Reflets dans l’eau’ di Debussy, suonata dallo zio, associato alle immagini dei riflessi della mia città, Venezia.

Claude Debussy è un compositore e pianista francese vissuto sul finire del ottocento fino a metà del novecento. Nella sua arte confluiscono, oltre ai naturali sviluppi della scuola francese-Goinod, Massenet, Franck, Chambrie, Faurè- le scoperte timbriche del pianismo chopiniano, l’antiaccademismo di Musorgskij, i modi musicali dell’estremo oriente e le conquiste armoniche di Wagner. Debussy  si inspira e si accosta all’idea wagneriana di un discorso musicale aperto, ma al contempo se ne discosta , assumendo una posizione antiwagneriana. Il musicista francese vuole infatti divincolarsi dai legacci della tradizione  musicologica a favore di  una nuova nozione di tempo musicale. Armonie intime, realistiche e dolci prendono il posto di toni alti e declamatori, tipici del melodramma wagneriano. Questa scia rinnovatrice lo annovera tra i massimi protagonisti del Simbolismo musicale.

Sono sempre stata una grande estimatrice di questo compositore. Suonare la sua musica è sempre stato terapeutico. Ironia della sorte, mi sono dedicata a Debussy quando ero isolata, a volte per scelta, a volte per circostanza, dal resto del mondo.

Ed ora che siamo tutti isolati per cause di forza maggiore, la condivisione live della musica, a noi musicisti, manca moltissimo. Ed ecco che rispunta il mio amato Debussy: mi è venuta l’idea di utilizzare la mia incisione dei  suoi 24 Preludi e associare ad essi immagini, farne un video e caricarlo su Youtube. Un  video al giorno fino ad arrivare a 24.
Sono quasi a metà del lavoro, dovrei terminare il 20 aprile con l’ultimo video.

In bocca al lupo, Elisa!

 

Tutti i contributi video sono visualizzabili sulla piattaforma Youtube digitando Marzorati Debussy o consultando direttamente il canale Balacing Act al link: https://www.youtube.com/watch?v=taf5y1ztc-s&list=PLYWr8Hb5TufFszgFhO0jcA05zEKS1d-Ce

About Melania Menditto

Mi chiamo Melania Menditto. Sono laureanda in Lettere presso l'Università Federico II di Napoli. Amo la Letteratura, il Teatro, la Poesia, la Scienza forense,la Musica. Da sempre ammaliata dal Mondo di carta, sogno di farlo esplorare ai tanti, grandi o piccoli che siano.

Check Also

Frida

Un giorno nella vita di Frida Kahlo

L'allestimento proposto alla Fabbrica del Vapore, a Milano, è un compendio tridimensionale sulle varietà artistiche che compongono la carriera della pittrice messicana. Il titolo della mostra "Il caos dentro" dispiega la sua lungimiranza nel voler mostrare, concentrarsi a voler mostrare, la poliedricità del quotidiano d'artista che ha fatto emergere le tele che il mondo ha imparato a conoscere. Il viaggio diventa quasi da indagine, anche da indagine, analisi, psicoanalitica, dal momento che si propone di fatto al visitatore ogni tassello personale che ha contribuito a forgiare le abilità figurative di Frida Kahlo. Si sbuca, ovverosia, improvvisamente sui sentieri della semiologia dell'arte, della fenomenologia, quasi, allungandoci verso tutte le aule, o gli spazi ricavati per la mostra.