Breaking News
Home / Segnalazioni libri / “L’archivista di Torrechiara”: l’ultimo libro di Paola Minussi

“L’archivista di Torrechiara”: l’ultimo libro di Paola Minussi

L’archivista di Torrechiara (Bertoni Editore) è il romanzo distopico di Paola Minussi, musicista-concertista e docente di chitarra classica presso l’Accademia di Musica di Basilea. Narrare storie è la sua passione e lo fa nei suoi libri, nelle rubriche radiofoniche che conduce e nella sua attività di celebrante umanista.

È madre adottiva e i suoi primi libri li ha dedicati ai suoi figli: Progetto Aranjuez. Diario di bordo di una madre adottiva, ETS Edizioni e Il primo raggio di sole. Canto a tre voci, La Ruota Edizioni.

È ideatrice e fondatrice del gruppo Women in White – Society che si prefigge di far rete tra donne e di promuovere la cultura e il pensiero femminile nella società, per un mondo più accogliente, colorato e rispettoso delle differenze. Con tale associazione ha ideato, realizzato e promosso la campagna online (poi diventata un libro) Io mi sono scocciata. Storie di ordinario sessismo, per sensibilizzare e combattere il linguaggio e i messaggi sessisti.

Grande viaggiatrice, al momento vive a Como, sua città natale, tra musica, parole, gatti e Tarocchi, sognando, un giorno, di andare a vivere a Lisbona, con le sue gatte, due galline da compagnia e la sua chitarra, per dedicarsi al Fado (la musica tipica portoghese) e alla lettura dei Tarocchi.

Alla sua città dell’anima ha dedicato un racconto dal titolo A Lisbona non è mai lunedì. Ad maiora, contenuto nella raccolta dedicata alla settimana portoghese: A Lisbona non è mai lunedì, Tuga Edizione 2021.

Madrelingua italiana, parla fluentemente inglese, tedesco e portoghese.

 

L’archivista di Torrechiara: Sinossi

L'archivista di Torrechiara
L’archivista di Torrechiara- Copertina del libro

La Misussi si riaffaccia sul panorama editoriale con una storia di resistenza e sorellanza al femminile, oltre che una vicenda politica anche troppo attuale, ambientata nel favoloso castello di Torrechiara.

Neue Zürcher Zeitung, 3 marzo 2027
Thomas Limacher (corrispondente dall’Italia)

Nasce la Nuova Repubblica Italica
sotto la guida del generale Pedretti

Nella giornata di ieri, 2 marzo 2027, alle 17:00 in punto, è
arrivata la comunicazione ufficiale da parte del generale Antonio
Pedretti che il governo della Nuova Repubblica Italica si è costituito e insediato in Campidoglio a Roma, eleggendo a propria
sede istituzionale Palazzo Senatorio. Tale annuncio arriva dopo
mesi assai tumultuosi per l’Italia, che da oltre un anno è vittima
di una fortissima instabilità politica, accompagnata da una grave crisi economica e finanziaria, che ha indebolito le strutture
sociali del Paese.
Come capo del governo, Pedretti si è circondato di uomini
di fiducia e ha subito introdotto una nuova Costituzione, che di
fatto gli garantisce pieni poteri e il controllo totale dello Stato,
anche se rimane l’apertura al dialogo con le forze dell’opposizione.

 

Anna Ponti, esperta archivista emigrata in Svizzera, decide di lasciare la città di Basilea, dove si è costruita una vita soddisfacente sia a livello professionale che sentimentale, per tornare in Italia.

Due sono i motivi che la spingono a compiere questo passo: ritrovare la sorella che non vede da anni e dare il proprio contributo alla tutela degli antichi volumi e delle opere d’arte che in patria rischiano di andare perduti e distrutti.

Destinazione: il castello di Torrechiara. Siamo nel 2027 e l’Italia è in piena guerra civile; una feroce dittatura dà la caccia a dei fantomatici “Sabotatori” e perseguita la popolazione non allineata con il regime. Ma chi sono in realtà i Sabotatori?

Nei silenzi e nei nuovi ritmi di Torrechiara Anna scoprirà chi siano davvero i Sabotatori.

“Un tema che, da sempre, mi sta molto a cuore è quello della responsabilità individuale, della propaganda, del conformismo collettivo e dell’indifferenza che, spesso, anestetizza il nostro sentire e ci paralizza, impedendoci di agire per ‘fare la differenza’ nelle nostre vite e in quelle degli altri – ha dichiarato l’autrice.

Sono convinta che ciascuna e ciascuno di noi possa compiere piccoli passi e piccoli gesti, necessari, che vadano incontro a chi è ‘altro’ e diverso da noi, a chi arriva da lontano, per esempio, e che, magari, ci destabilizza, perché mette in discussione abitudini e giudizi radicati nelle nostre esistenze.

La sfida di tutti i giorni è restare vigili, coltivando spirito critico e analisi lucida, per quanto possibile, della realtà che ci circonda.

Mi rendo conto di come sia un compito assai difficile e impegnativo da svolgere, non solo ripensando alla nostra storia recente del Novecento, ma anche perché, ancora oggi, siamo testimoni dei tragici conflitti attorno a noi”.

Una storia di lotta, di passione, di percorso rivoluzionario degli eventi, ma, soprattutto, di solidarietà al femminile e di rinascita dalle macerie. Un romanzo pieno di musica, di canzoni e di speranza.

 

https://www.bertonieditore.com/shop/it/libri/984-larchivista-di-torrechiara.html

 

 

 

 

 

About Melania Menditto

Mi chiamo Melania Menditto. Sono una giornalista pubblicista iscritta all'ordine dei giornalisti della Campania. Amo la Letteratura, il Teatro, la Poesia, la Scienza forense, la Musica. Da sempre ammaliata dal Mondo di carta, sogno di farlo esplorare ai tanti, grandi o piccoli che siano.

Check Also

Lettere a Nora-Joyce

‘’Le lettere a Nora’’ di Andrea Carloni: l’audace scambio epistolare fra James Joyce e Nora Barnacle

‘’Le lettere a Nora’’ è il libro di Andrea Carloni pubblicato da Alter Ego Edizioni in cui l’autore racconta il legame carnale di James Joyce con Nora Barnacle attraverso un intenso scambio epistolare dalle passionali sfumature erotiche. Se tanto si conosce su James Joyce, molto poco si sa sulla figura che è stata fonte di ispirazione e passione dello scrittore; l’incontro fra Nora e James risale al 10 giugno 1904 ma la relazione fra i due inizia il successivo 16 giugno.