Breaking News
Home / Opere del ‘900 (page 35)

Opere del ‘900

‘L’isola di Arturo’ di Elsa Morante: reclusione e tentazione

Elsa Morante

Arturo Gerace, il protagonista di questo imperdibile romanzo di formazione, L'isola di Arturo. Egli nasce accanto al mare, accanto al suono delle onde che si infrangono sugli scogli. In un luogo che, più di tutto il mondo, rappresenta quell'anima che nulla attende, se non un bacio, una carezza, un gesto d'amore. "Per me madre significava precisamente: carezze." Ma quel gesto non arriva, mai.

Read More »

“Figlio di Dio”, l’essenzialità di Comarc McCarthy che rabbrividisce il lettore

Figlio di Dio

Nient’altro che un figlio di Dio come voi,forse” si legge nella prima pagina del romanzo “Figlio di Dio” (1974) del grande scrittore americano Comarc McCarthy. Una presentazione essenziale, scolpita nella pietra quella di Lester Ballard, uno dei tanti poveri bianchi che popolano le catapecchie del Sud rurale e precisamente della contea di Sevier, nel Tennessee osteggiata dalla natura. Tuttavia gli abitanti sono abituati alla sua violenza, alle alluvioni, alle tempeste, agli animali da preda, cosi come lo sono alla miseria, all’incesto, alle pubbliche impiccagioni ,alla breve comparsa di uno sceriffo o di una stanza d’ospedale, che sembrano essere la normalità, anzi quasi la regola.

Read More »

“Il weekend”, di Peter Cameron

Il week- end

Peter Cameron, ci mostra la dolcezza, la bellezza, la paura, di entrare nei meandri nascosti della mente umana. Sentimenti che si cerca di nascondere ad un mondo indifferente ai nostri dolori, perchè ogni dolore appartiene, in modi e misure diverse, solo a chi ha subito quella perdita, quella perdita che con se, porta via anche la speranza di poter, un giorno, essere ancora in grado di sorridere, amare, ricominciare. Attraverso le sue parole, Cameron, porta il lettore in quel mondo segreto, nascosto, chiuso nell'anima di ogni personaggio, di ogni uomo. Un luogo in cui le domande, le ansie, le angosce, le paure, restano sigillate, chiuse e pronte ad esplodere, come un vecchio armadio che non può contenere più nessun abito.

Read More »