Breaking News
Home / Segnalazioni libri / “Misteri napoletani: La crepa” il romanzo grottesco di Demetrio Salvi
misteri

“Misteri napoletani: La crepa” il romanzo grottesco di Demetrio Salvi

“Misteri napoletani: La crepa” di Demetrio Salvi è un’opera particolare, che mescola il romanzo grafico e il racconto tradizionale per narrare una storia oscura e grottesca, che riesce a inquietare e allo stesso tempo ad affascinare. Il romanzo è ambientato in una Napoli disturbante e magnetica in cui si materializzano le tenebrose figure delle leggende popolari, che si aggirano indisturbate per la città. Sono corpi mostruosi che si agitano e vagano nel buio, provenienti da un mondo sotterraneo che è la copia speculare, benché spettrale, della solare Napoli.

misteri

Il protagonista del romanzo è Giona Michetti, un insegnante da poco tornato nella sua città natale dopo la fine del suo matrimonio; Napoli non è più come la ricordava, e da subito avverte la presenza di qualcosa di maligno non solo tra le strade ma soprattutto all’interno della sua casa – «Una paura innaturale circola nelle mie vene e non ne capisco il motivo anche se, improvvisamente, per un attimo, smetto di respirare e ho la sensazione che qualcosa aliti nella mia stanza». Il lettore osserva Giona cadere sempre più nella paranoia di non essere solo in casa; è un incubo a occhi aperti quello che vive, e nelle sue notti insonni si convince sempre di più di essere perseguitato da un’entità malevola. Quando essa infine si palesa, ha delle sembianze antropomorfe e non sembra particolarmente minacciosa: è una creatura minuta e gracile, e i suoi tratti ricordano quelli di un bambino di circa sei anni; non ha il dono della parola, e ha la pelle pallida e gelida.

Demetrio Salvi racconta dello strano rapporto che si instaura tra Giona e la creatura, che chiamerà Michele per dargli una parvenza di umanità; all’inizio scostante e impaurito, col tempo il protagonista si affezionerà a Michele e cercherà di proteggerlo. Il male, però, sembra strisciare dappertutto e corrompere le anime, e Giona intuisce che esso possa penetrare dalle crepe lasciate da un recente terremoto. L’apertura di una di esse sarà l’inizio del suo viaggio all’inferno e nel suo inconscio, che diventa il cuore oscuro e palpitante di questo misterioso romanzo.

 

SINOSSI DELL’OPERA. Napoli ha cavità oscure, capaci di generare paure profonde e Giona è mancato per troppo tempo da questa città per capire cosa si agita nel buio. Gli incubi che lo assalgono di notte si dissolvono col sole: sono anime sofferenti che non vogliono farsi vedere. Un mondo perverso lo attende e lo tira giù, lo illude che possa ritrovare quanto ha smarrito. Una furia improvvisa accompagna la sua disperata ricerca, tra cunicoli infiniti, fiumi perduti e luoghi nei quali l’amore non basta a salvare. La morte è sempre in agguato. Ma non è la cosa peggiore che possa capitare.

 

BIOGRAFIA DELL’AUTORE. Demetrio Salvi (Napoli, 1961) è laureato con lode in Lettere Moderne e ha seguito i corsi di sceneggiatura tenuti da Robert McKee. Per la Video/Italia realizza documentari etnografici come regista e sceneggiatore e collabora con la casa di produzione ARAWA, per la quale scrive testi per documentari e la sceneggiatura del lungometraggio “Asia”. È direttore ai programmi di una storica TV regionale (Canale 21) e dirige numerosi cortometraggi, alcuni dei quali vengono premiati da prestigiose realtà culturali e istituzionali. Fonda, assieme a Federico Chiacchiari, la rivista di critica cinematografica Sentieri selvaggi che, dal 1999, farà da fondamenta a una omonima scuola di cinema; in tempi più recenti, tale scuola evolve in una realtà accademica col nome di UniCinema. Realizza saggi sul cinema e manuali di tecnica cinematografica. Nel 2015 realizza il lungometraggio “Casting” e presenta all’Expo di Milano il documentario “Cibodamare”. Nel 2018 gira il docufilm “A Mozzarella nigga”, selezionato da diversi festival internazionali. Collabora con Fabio Massa alla sceneggiatura del film “Effetto domino” e scrive, con lo stesso regista, lo script di “Mai per sempre”. Dopo “I giornaletti sporchi” scrive i romanzi “Misteri napoletani – La crepa”, “Mal’essere” e “Fuori di Qui”. Nel 2021 fonda con Rosa D’Avino la casa editrice L’undicesima copia.

 

 

Contatti

https://www.facebook.com/people/Demetrio-Salvi/100008317773652/

https://www.facebook.com/undicesimacopia/

 

Link di vendita online

https://www.amazon.it/MISTERI-NAPOLETANI-crepa-graphic-favola/dp/B0B4KVYZK6/ref=sr_1_6?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&crid=2W3UAF8MJHKS5&keywords=Demetrio+Salvi&qid=1658491321&sprefix=demetrio+salvi%2Caps%2C459&sr=8-6

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

“Yao”: il nuovo libro di Fiori Picco

Yang Sen racconta la sua storia. È un cinese di etnia Yao della tribù di Landian. Gli Yao vivono in piccole comunità nelle regioni montuose della Cina meridionale. Il Taoismo ha un ruolo importante nella loro vita, così come le antiche tradizioni, le cerimonie tribali e i rituali di iniziazione che sono rimasti immutati nel tempo. L’autrice ha raccolto le testimonianze degli Yao, dell’amico Yang Sen e di altri giovani che, come lui, sono l’emblema di un popolo migrante in patria, collocando temporalmente la storia nel 2004, con flashback nel passato e risalendo all’epoca Ming.